20 Dicembre 2022

Incidente Nola-Villa Literno: Aldo, 22 anni, non ce l’ha fatta

Incidente Nola-Villa Literno: ragazzo di apppena 22 anni muore nell'impatto. Lo scontro moto/guardrail è stato fatale, l'altro passeggero è salvo

Tragico incidente

L’incidente sulla Nola-Villa Literno ha strappato la vita al giovane Aldo Lauro, appena 22enne, figlio di Carmine Lauro, famoso ginecologo ed ex primario del reparto di ostetricia dell’ospedale “Santa Scolastica” di Cassino. L’incidente mortale è avvenuto domenica, 18 dicembre 2022, alle ore 16:00 circa, all’altezza del chilometro 0,500 in direzione Strada Provinciale 101/Via Napoli, nei pressi di Villa Literno (Caserta). Secondo quanto ricostruito, il conducente viaggiava in sella ad una moto insieme al suo amico quando – per cause ancora da accertare – avrebbe perso il controllo di essa shiantandosi contro un altro veicolo e, successivamente, contro il guardrail. L’impatto è stato fatale per il giovanissimo. Il passeggero, invece, a seguito dell’impatto violento è balzato dalla sella ed è precipitato sull’asfalto.

Incidente mortale Nola-Villa Literno

Il sinistro, secondo le prime ricostruzioni, non avrebbe coinvolto le altre vetture presenti. Intanto restano da chiarire i motivi per i quali il conducente napoletano avrebbe perso il controllo del mezzo a due ruote. Sul posto sono giunti gli agenti della Polizia Stradale di Caserta, i soccorsi del 118 e gli uomini dell’Anas. Nonostante i soccorsi tempestivi, purtroppo, non c’è stato nulla da fare: le ferite riportate si sono rivelate troppo gravi. Il passeggero che era con lui, invece, stando a quanto appreso, è ferito e non è in pericolo di vita. Nella circostanza, il tratto di strada è stato provvisoriamente chiuso al traffico, fino alle ore 17:30, per consentire i rilievi del caso.

Sul tragico incidente Nola-Villa Literno, ora, spetterà alla Polizia stradale casertana accertare la vicenda e le dovute responsabilità. La triste notizia, in poche ore, ha sfatto il giro del web. Molti i messaggi di cordoglio indirizzati alla famiglia Lauro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO: “OPERAIO ACCOLTELLATO IN FABBRICA DA UN COLLEGA, FINISCE IN MANETTE