Sant’Antonio Abate: il 17 Gennaio i falò in suo onore

sant'antonio abate
Immagine da web

Sant’Antonio Abate, il santo che salvava i peccatori dal diavolo. In suo onore si accendono falò. Tutte le notizie sulla Fiera

Il 17 Gennaio ricorre la festa in onore di Sant’Antonio Abate. A Napoli è una ricorrenza particolarmente sentita. Si narra che il santo si recasse all’inferno per strappare alle fiamme le anime dei peccatori. Proprio per questo, ogni anno a Napoli, si accendono falò di commemorazione, durante i quali si fa bruciare la roba vecchia per allontanare i mali e il dolore dell’anno passato e si dà il benvenuto al nuovo anno. Famosi sono i Cippi di San’Antonio, che bruciano in tutta la provincia, alimentati dagli alberi del Natale appena passato. I più famosi sono sicuramente quelli del Borgo di Sant’Antonio e nei quartieri di Forcella e della Sanità. Si tengono nella notte tra il 16 e il 17 gennaio e vi partecipano tutte le persone del quartiere. L’evento onora il Santo e scongiura il futuro dal maligno.

Ovviamente anche a Sant’Antonio Abate si indicono eventi: la Fiera di Sant’Antonio Abate è una delle più famose nella regione e contempla la sagra della porchetta. Quest’anno, ha avuto inizio l’11 gennaio e terminerà il 20.

Insomma, non resta che partecipare, lo spettacolo è assicurato!

 

Articolo precedenteRitardo nei soccorsi per un’anziana donna
Prossimo articoloRissa per la gestione della piazza a Largo San Giovanni Maggiore
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.