Visita Salvini a Napoli, il leader della Lega contro De Magistris

Lega
De Magistriis

Dopo l’occupazione della sala congressi della Mostra d’Oltremare per protesta contro la sua visita a Napoli, Matteo Salvini risponde. Attaccando tutto e tutti, incluso il sindaco De Magistris. Il quale aveva dato il suo sostegno ai centri sociali annunciando “Seppelliremo Matteo Salvini”

Lega
Salvini, foto Ansa

Mi dispiace che De Magistris faccia poco il sindaco e tanto il capo ultrà“.

Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, domani a Napoli per un incontro alla mostra d’Oltremare.

Diverse le manifestazioni di protesta contro il leader del movimento. Stamattina è stata pubblicata in rete una canzone di un collettivo di autori che si fa chiamare “Terroni Uniti“. La loro opera, “Gente do Sud“, inneggia al Mediterraneo come luogo di incontro di popoli. E non come un ponte da murare contro l’afflusso di immigrati verso l’Europa.

Proprio ieri, il sindaco De Magistris aveva detto che, dove c’è il popolo che “manifesta pacificamente, con la satira, l’ironia e la cultura” ci sarà il sindaco.

A giudizio di Salvini, De Magistris però “farebbe bene a interessarsi dei problemi della città. Non dico del lavoro, della criminalità e dell’immigrazione ma di questioni molto più terra terra come viabilità, buche, traffico, parcheggi, abusivismo“.

Lo stesso leader della Lega, che oggi caccia voti a Napoli dopo che per anni ha cantato cori contro i napoletani, ha aggiunto che “alle proteste dei centri sociali è abituato“.

Secondo Salvini, infatti, i centri sociali “Sono dei figli di papà che amano fare a pugni in strada“.

Intanto, però, il sindaco li difende: “Mi schiero completamente dalla parte dei centri sociali, che stanno facendo un’opera di dissenso forte nei confronti di uomo che qualche giorno fa, usando con linguaggio di impronta nazifascista, ha dichiarato di voler andare per le strade a cacciare gli extracomunitari”.

Parole chiare di un sindaco che rimarca: “Domani seppelliremo Matteo Salvini“.