Sparato dal figlio muore dopo dieci giorni di agonia

sparato
FOTO: vocedinapoli.it

Muore dopo dieci giorni di agonia l’imprenditore 75enne che fu sparato, al volto e all’addome, dal figlio

BOSCOREALE – Non ce l’ha fatta Giuseppe Criscuolo, l’imprenditore 75enne, che dieci giorni fa venne sparato dal figlio con diversi colpi al volto e all’addome.

Dieci giorni di agonia e poi il suo cuore si è fermato. Il tutto è iniziato con una banale lite in casa finita poi in tragedia.

L’anziano di Boscoreale è morto questa notte nell’ospedale di Sarno, i medici non sono riusciti a salvarlo dopo le gravi conseguenze delle ferite riportate al volto e all’addome.

I carabinieri della stazione di Boscoreale e della compagnia di Torre Annunziata, a cui sono state affidate le indagini, nel giro di poche ore avevano fermato il figlio Gaetano, un 47enne di Poggiomarino.
L’uomo durante l’interrogatorio di convalida, così come si apprende anche da Il Mattino, aveva parzialmente ammesso la dinamica dei fatti.

Ora il Gaetano Criscuolo, finito in carcere per questo gesto folle, dovrà rispondere dell’accusa di omicidio del padre.

A seguito di questa tragedia familiare in tanti sono rimasti sotto choc a Boscoreale dove la famiglia della vittima era molto nota in quanto gestiva un negozio di elettrodomestici nella zona di via Marra.