Spal-Napoli: Allan e Rui regalano la vittoria ad Ancelotti.

Spal-Napoli

 

In una fredda domenica di maggio il Napoli targato Carlo Ancelotti, a quota 73 punti in classifica e già col secondo posto in cassaforte, prova a prolungare la scia positiva che gli consentirebbe di chiudere la stagione con 82 punti in cassaforte.

Primo tempo povero di emozioni, con gli azzurri che spingono senza però trovare la zampata decisiva. Spal pericolosa con Floccari e Petagna in area di rigore, ma soprattutto con Lazzari, che fa venire il mal di testa a Mario Rui.

Le principali occasioni per la squadra di Ancelotti arrivano grazie alle serpentine di Amin Younes, che più volte riesce a liberarsi degli avversari e ad addentrarsi in aria di rigore. Ottimo anche lo spunto offensivo di Callejon che al minuto 40 recupera palla a centrocampo e calcia da fuori area dai 25 metri: il suo tiro si spegne però di poco alla destra del portiere.

Il primo tempo si chiude con il sinistro di Milik che termina alto sopra la traversa.

Il Napoli scende in campo con la stessa formazione schierata nei primi quarantacinque minuti, ma con un piglio differente. Gli azzurri trovano immediatamente il vantaggio con Allan, che sfodera un poderoso destro a giro che batte Viviano sulla sinistra. Ci prova ancora il Napoli, con Malcuit che spinge sulla fascia destra e dialoga bene con Callejon e Fabian Ruiz: lo spagnolo inquadra la porta con un preciso colpo di testa su calcio d’angolo, ma Viviano gli dice di no. Qualche secondo dopo, arriva il doppio miracolo del portiere avversario, che respinge ancora su Malcuit.

Dall’altra parte la Spal ci prova con Petagna, ma Meret si allunga e gli dice no. Qualche secondo più tardi, al minuto 76, i padroni di casa trovano il pareggio con Antenucci, ma il gol viene annullato per offside. La squadra soffre e fatica a contenere gli attacchi dei padroni di casa. Nuovo brivido all’ottantesimo con Meret costretto ancora agli straordinari su Floccari. Il pareggio era nell’aria e la Spal trova meritatamente il gol dell’ 1-1 su calcio di rigore al minuto 83.

Nuova reazione in casa Napoli, che lotta con ogni mezzo per portare a casa la vittoria: gli azzurri spingono nuovamente sull’acceleratore e portano in area ben 5 uomini: un rimpallo favorisce Mario Rui, che senza pensarci troppo lascia partire un siluro che si insacca nella porta avversaria. Nuova reazione d’orgoglio dei padroni di casa, ma Meret dice ancora di no.