Patto per Napoli: i primi interventi su Vele e Metrò



La stretta di mano tra il premier Matteo Renzi e il sindaco Luigi De Magistris in occasione della firma in Prefettura del 'Patto per Napoli', l'intesa che prevede lo sblocco di 308 milioni da destinare alle opere pubbliche della città, il 26 otobre 2016 a Napoli. ANSA/ CIRO FUSCO

Il Patto: dopo la firma, i primi interventi volti al miglioramento delle condizioni di vivibilità a Napoli.

NAPOLI – 30 OTTOBRE – Si lavora al Patto per Napoli.

Continuano le trattative tra il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Dopo la fissazione dei termini e dei tempi massimi di conseguimento degli obbiettivi previsti dal Patto, è il momento della progettazione esecutiva. 308 milioni di euro verranno devoluti alla concretizzazione di quindici opere che trasformeranno la città.

Entro e non oltre la primavera del 2017, una delle Vele di Scampia verrà rasa al suolo, mentre la seconda uscita della stazione metropolitana di Materdei verrà costruita in prossimità del cimitero delle Fontanelle, Rione Sanità.

Sono questi i primi due interventi ormai in via di attuazione annunciati dai leader, che andranno ad aggiungersi a una generale messa in sicurezza sismica di tutti gli edifici pubblici e privati della città.

Leggi anche