Napoli: nominato Pietro Spirito alla guida del Porto



napoli

Napoli, la Commissione Trasporti ha approvato la nomina di Spirito come Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale

La Commissione Trasporti della Camera ha approvato con 23 voti favorevoli, 4 contrari e nessun astenuto, la nomina di Pietro Spirito come Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale.Spirito

Anna Maria Carloni, senatrice del Partito Democratico ed unica componente campana della Commissione Trasporti della Camera, a seguito della nomina ha commentato: “Mi auguro che il Ministro Delrio firmi quanto prima la sua nomina, così da restituire al Porto di Napoli, in una nuova visione di livello regionale con Castellammare e Salerno, quella guida stabile di cui lo scalo ha bisogno, in modo da far ripartire velocemente quella che è, nei fatti, la più grande azienda della Campania e del Meridione.

Ma chi è Pietro Spirito?

In Atac nel 2011, come Direttore Centrale Operazioni,  insieme all’ex AD Maurizio Basile, Spirito è uno dei pochi manager di Atac con un curriculum di alto livello nel mondo dei trasporti. Docente di Economia dei Trasporti alla LUISS, Spirito ha nel suo curriculum una lunga carriera ad altissimo livello nel gruppo Ferrovie dello Stato. In Atac è il dirigente che aveva tentato di intervenire sugli sprechi clientelari già durante il mandato di Alemanno, razionalizzando tutta una serie di spese, che avevano portato risparmi per milioni di euro. Secondo alcuni, Spirito avrebbe predisposto anche un corposo dossier riservato su tutte le interferenze della politica negli appalti aziendali, finito poi senza successo sulla scrivania di Alemanno.

La Senatrice Carloni aggiunge: “con questo voto, la Camera conferma la volontà di Carloniandare avanti in un percorso riformatore del mondo della portualità, un percorso incentrato sul merito delle questioni e sulle competenze. In questo senso la nomina di Spirito è in linea con quanto previsto dal decreto legislativo 169/2016 sulla riorganizzazione e razionalizzazione delle autorità portuali, che prevede che il Presidente sia scelto fra soggetti di comprovata esperienza nei settori dell’economia dei trasporti e portuale”.

Leggi anche