“Meglio usati che a piedi”: EAV risponde alla polemica



meglio usati che a piedi

In seguito alla polemica sugli autobus di seconda mano messi in circolazione da EAV – Ente Autonomo Volturno, il presidente Umberto De Gregori è intervenuto con una nota: «Meglio usati che a piedi».

 «È singolare che nel giorno in cui si dovrebbe festeggiare per aver salvato EAV dal fallimento si fa una stupida polemica sui bus comprati usati!».

Esordisce così, in una nota, il presidente della società regionale di trasporti EAV, Umberto De Gregori a seguito di una polemica riguardo all’acquisto, da parte della società, di autobus usati provenienti dalla Polonia – ritenuti troppo vecchi perché hanno raggiunto i 7 anni di circolazione.

Ricorda De Gregori che «Eav ha assunto i servizi su gomma a seguito del fallimento di Eavbus il 21 novembre 2012, dopo che la stessa Regione, le forze politiche e sindacali avevano scongiurato il passaggio a privati». Per allontanarsi dal fallimento, sono stati revampizzati 93 autobus ed acquistati 53 usati – 23 dei quali saranno in esercizio per dicembre.

«Tali interventi – conclude il presidente – hanno consentito di migliorare gli standard e, ad esempio, nella giornata odierna sono in esercizio 163 autobus».

Leggi anche