MANN. Esperimento sociale: statue censurate

mann
Immagine tratta da www.museoarcheologiconapoli.it

Un lupo al museo: in produzione il progetto di Ugo Capolupo per il MANN. L’arte provoca il visitatore protagonista

Deve essersi sentito proprio come i visitatori del MANN Michelangelo, quando gli venne ordinato di censurare i nudi della Cappella Sistina: stupito e schernito.

Così appaiono i volti degli ignari visitatore che, sulle parti intime delle statue dei Tirannicidi e su altre sculture, trovano un cartello con la scritta CENSORED. Ad acuire le reazioni l’intervento di un attore, nei panni del custode della sala, che rimarca la stranezza del fatto.

Lo stupore è ripreso dalle telecamere del sapiente regista Ugo Capolupo, che realizzerà dieci filmati per il progetto “Un lupo al museo”, destinato a rappresentare la società attraverso l’arte. É proprio il MANN il produttore della serie che a breve saranno pubblicati sui canali social del museo. In ogni episodio saranno affrontate tematiche differenti: bullismo, sesso, censura, traffico d’arte, schiavitù e razzismo.

Gli sprovveduti partecipanti dovranno compiere delle scelte e prendere una posizione circa le tematiche di volta in volta  proposte. “Soltanto dall’arte – sostiene Capolupo – scaturisce l’input per provocare il visitatore, vero protagonista delle performance video“.

Articolo precedenteRiserva degli Astroni: Dinosauri in mostra a a Napoli
Prossimo articoloDoctors 4 homeless: un aiuto ai senzatetto
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.