Circumvesuviana, le stazioni del terrore: una nuova aggressione

circumvesuviana

Aggressione in Circumvesuviana per uno sguardo di troppo: la donna pestata riporta la frattura del setto nasale

NAPOLI, 13 MARZO – Ancora una nuova aggressione in Circumvesuviana. Questa volta a denunciare l’accaduto è una donna di 31 anni di Castellammare di Stabia.

Secondo la ricostruzione fornita da Il Mattino, la donna era appena scesa dal treno presso la stazione di Via Nocera ed è stata aggredita brutalmente da un ragazzo poco più che diciottenne.

Ero appena scesa dal treno, ho visto quei due ragazzi litigare (una coppia ndr) e loro, per tutta risposta, mi hanno aggredita“. Sono queste le parole della vittima che, per un semplice sguardo nel posto sbagliato, ha riportato molteplici ferite: oltre alla rottura del setto nasale anche piccoli tagli e lividi su tutto il corpo.

Fortunatamente alcune persone sono intervenute a sedare l’aggressione, evitando che la situazione peggiorasse.

La domanda, dopo l’ennesimo atto criminale e violento in Circumvesuviana, è sempre la stessa: è normale tutto ciò? Dov’è chi dovrebbe tutelarci?