Atalanta-Napoli: le pagelle del posticipo

Milik Atalanta-Napoli

Atalanta-Napoli: le pagelle del posticipo in programma allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia a cura della redazione di NAPOLIZON

Atalanta-Napoli, le pagelle. In Napoli torna a Bergamo dopo la sofferta vittoria dello scorso anno, preziosissima per la lotta scudetto dello scorso anno. Ancelotti è obbligato a vincere per tenere viva la lotta scudetto e scongiurare la fuga bianconera e si affida agli 11 titolarissimi della Champions.

Primo tempo – Il Napoli gioca di ripartenza provando a disinnescare gli arrembaggi bergamaschi. Il goal arriva subito proprio su ripartenza grazie un ottimo assist di Lorenzo Insigne per Fabian che insacca già al secondo minuto. Il Napoli sfiora il raddoppio più volte con le ripartenze con Insigne, Callejon e lo stesso Fabian.

Secondo tempo – Il Napoli ricomincia con il gioco di ripartenza e si rende immediatamente pericoloso con un bel contropiede sciupato da Fabian. Ma l’Atalanta con indemoniato ex, Duvan, non demorde e trova il goal proprio con l’ex azzurro al minuto 56. L’inerzia della partita viene interrotta dalle sostituzioni con Milik che prende il posto di Mertens e ripaga immediatamente la fiducia di Ancelotti con il goal del secondo vantaggio.

Le pagelle di Atalanta-Napoli a cura della redazione di NAPOLIZON:

Ospina (5,5): non può nulla sul goal di Duvan, ma regala calci d’angolo pericolosissimi.

Maksimovic (5,5): buona prova nel nuovo ruolo di terzino, ma l’imprecisione prende anche lui.

dal 78 st – Hysaj (sv)

Albiol (5,5): personale duello con Duvan, vinto sempre dallo spagnolo ad esclusione dell’occasione del goal.

Koulibaly (7): si dimostra il miglior difensore centrale del campionato italiano e tra i migliori a livello mondiale.

Mario Rui (6,5): il portoghese torna a giocare finalmente una buona partita. Preciso nelle diagonali nella fase difensiva, propositivo in quella di spinta: bellissimo assist per Milik.

Callejon (5,5): lo spagnolo, preziosissimo in ogni zona del campo si fa contagiare dall’imprecisione generale.

Allan (6): il solito combattente azzurro anche se la stanchezza si nota in mezzo al campo e il calo è evidente con il minutaggio. Resta un leone per tutta la partita.

Hamsik (6,5): il capitano cresce nella condizione e nelle prestazioni.

Fabian (6): la sufficienza guadagnata con la marcatura del primo tempo, resta una prova imprecisa e discontinua.

dal 76st – Zielinski (sv)

Mertens (6): tanto impegno ma la punta resta a secco di goal in campionato.

dal 81st Milik –

Insigne (5,5): impreciso e sfortunato, divora due palle nettissime palle goal.

All. Carlo Ancelotti