Sigarette di contrabbando: 12 tonnellate sequestrate dalla Guardia di Finanza

sigarette di contrabbando

Dodici tonnellate di sigarette di contrabbando, destinate ad approvvigionare il mercato nero napoletano, sono state sequestrate a Bologna.


La Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato 12 tonnellate di sigarette di contrabbando in un magazzino nella zona industriale di Sala Bolognese.
Il sequestro si inserisce in una più vasta operazione della Guardia di Finanza napoletana, volta alla scoperta e eliminazione del mercato nero dei tabacchi, molto diffuso a Napoli.

Si tratta dell’ennesimo colpo sferrato alle organizzazioni criminali che operano nell’hinterland napoletano. In effetti, stavolta il sequestro è stato davvero ingente: 12 tonnellate di sigarette di contrabbando, delle marche più note visibili sulle bancarelle napoletane, per un valore complessivo di 2,5 milioni di euro.

I contrabbandieri avevano provato in questo frangente a giocare d’astuzia, delocalizzando l’attività illecita in un magazzino della zona industriala di Bologna, provando in questo modo a sfuggire ai pressanti controlli che le autorità partenopee stanno mettendo in campo negli ultimi mesi. Lo scopo era far poi arrivare a poco a poco, trasportando carichi di piccole dimensioni, le sigarette di contrabbando sul mercato napoletano.

I Finanzieri però sono riusciti ad intercettare la rotta criminale che operava sulla tratta Napoli-Bologna, facendo irruzione in uno dei locali adibito al deposito di sigarette di contrabbando. Al suo interno sono stati scovati quattro soggetti originari di Napoli, tutti tratti in arresto in flagranza di reato, intenti a preparare per la consegna l’ingente quantitativo di tabacchi.