Rissa a Portici, aggredito un vigile



rissa

I porticesi e il problema del parcheggio: un incubo che dura da una vita. Ecco come un’auto fuori posto si trasforma in rissa

 Il fatto è avvenuto sul Viale Leonardo da Vinci a Portici Sabato pomeriggio. Un uomo parcheggia la sua auto davanti a un passo carrabile e si reca a comprare un paio di scarpe al negozio di fronte insieme alla moglie con il figlio in braccio. Questione di attimi e arriva un vigile che avrebbe, secondo primissime indiscrezioni dei passanti, messo una multa senza il normale fischio di avvertenza.

L’uomo esce agitato dal negozio chiedendo clemenza, ma l’agente si mostra deciso a lasciare la multa e presto la discussione animata si trasforma in rissa: l’uomo lo aggredisce e si crea la ressa di spettatori. Si sentono le urla della moglie: “per comprare un attimo un paio di scarpe!”.

L’uomo viene portato via alla stazione dei Carabinieri, la moglie quasi sviene e subito parte il vocio generale.

L’episodio suscita reazioni contrastanti: contrastanti le opinioni che oscillano tra chi difende l’uomo e chi invece l’agente.  Come sempre la verità sta da entrambe le parti. 

E’ vero che è totalmente inammissibile parcheggiare l’auto davanti a un passo carrabile, anche per un solo secondo; è vero anche però che i vigili di Portici sono davvero agguerriti, che le multe sono aumentate e che nemmeno il tempo di girare l’angolo per comprare il grattino e ti ritrovi già la multa sotto il tergicristallo.

Tenendo conto che la difficoltà di trovare parcheggio è uno dei principali problemi che affligge una città sovraffollata come Portici, scene del genere sono all’ordine del giorno.

E’ così che il problema parcheggio si riversa contro i commercianti e di conseguenza contro tutta la società di Portici a tutti i livelli.

Non sarebbe molto più facile che l’amministrazione se ne occupasse risolvendo la questione per sempre ?

Il parcheggio che stanno costruendo al Corso Garibaldi risulta un po’ fuori mano ma si spera che almeno serva a tamponare in qualche modo. Non ci resta che aspettare.

Leggi anche