Pizzo, ditta napoletana denuncia clan camorristico

pizzo
Fonte Foto: ilsole24ore.com

Nonostante le numerose minacce ricevute, una ditta costretta a pagare il pizzo ha deciso di denunciare la vicenda. Cinque le ordinanze di custodia cautelare

Molti, troppi responsabili di società ed attività commerciali sono costretti a pagare ingenti quote alla criminalità organizzata, sotto forma del cosiddetto “pizzo”. Tra questi, il direttore di una ditta incaricata della raccolta dei rifiuti in provincia di Napoli, il quale ha però denunciato la vicenda.

Oltre alle numerose minacce ricevute, l’anno scorso fu appiccato anche un incendio: i membri di un noto clan napoletano, infatti, bruciarono un autocompattatore. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, come riportato da ANSA, hanno accertato la responsabilità di alcuni individui.

Proprio oggi, in seguito alle indagini, sono state eseguite cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere. Si attendono ulteriori informazioni sul caso.