4 Dicembre 2020

Napoli, nasce la prima Casa per l’Accoglienza delle persone LGBTQ+

napoli lgbtq+

Napoli, nasce la prima Casa per l’Accoglienza delle persone LGBTQ+ vittime di discriminazione, violenza e marginalità sociale

Napoli: nasce la prima casa di accoglienza dedicata a tutte le persone LGBTQ+ vittime di emarginazione.

Lo scorso Agosto, la Regione Campania, aveva approvato la Legge Regionale contro l’omotransfobia, segnando un primo, importante, traguardo per la lotta contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e/o sull’identità di genere.

Quest’oggi un ulteriore, significativo, passo in avanti è stato mosso con l’istituzione della Casa delle Culture e per l’Accoglienza per le persone LGBTQ+ nella città di Napoli, primo luogo di protezione ed accoglienza progettato in tutto il Sud Italia.

Napoli, quindi, si conferma in prima linea per la difesa dei diritti civili.

Risultato storico ottenuto grazie alla collaborazione tra le maggiori Associazioni del territorio, quali Antinoo Arcigay Napoli, PRIDE Vesuvio Rainbow, Famiglie Arcobaleno, con la collaborazione del Centro di Ateneo Sinapsi e dell’Ordine degli Psicologi della Campania, e con il Comune di Napoli.

Il Sindaco Luigi De Magistris, in merito, ha affermato:

“Napoli, quindi si allinea alle più avanzate esperienze europee e sarà la prima città del sud Italia a dotarsi di una struttura comunale finalizzata ad attività volte alla tutela e alla diffusione delle culture LGBTQI+ contro qualsiasi comportamento discriminatorio e per assicurare riparo e protezione alle persone LGBTQI+ vittime di violenza o in condizioni di disagio socio economico”.

A seguito, quindi, delle procedure tecniche e burocratiche, la prima Casa di Accoglienza sarà finalmente aperta per accogliere tutte le persone della Comunità LGBTQ+ che vivono e subiscono qualsiasi forma di violenza e discriminazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.