Marta nasce in casa ad Ercolano tra le braccia del papà



marta
Immagine tratta da napolifanpage

Non era un falso allarme. Marta nasce in casa ad Ercolano tra le braccia di sua padre Mario, 35 anni, ingegnere informatico

Erano soltanto contrazioni di Braxton per i medici della clinica Villa Betania di Ponticelli in cui Marta sarebbe dovuta nascere l’8 giugno, invece non è andata esattamente così. Dopo essere stata visitata e dimessa ben due volte prima dall’Asl e poi dalla clinica, riconosciuta come eccellenza sanitaria regionale per Ostetricia e Ginecologia, nella notte tra il 20 e il 21 maggio, Carmela ha cominciato il travaglio. La bambina è nata in casa, la coppia infatti non è riuscita a recarsi in ospedale per tempo perchè troppo lontano. Così Mario, ingegnere informatico, si è ritrovato a 35 anni ad aiutare la moglie di 32 a far nascere la loro bambina.

Una storia, per fortuna, a lieto fine: Marta è la prima bimba nata nel comune di  Ercolano nel ventunesimo secolo. “Erano decenni che un bambino non nasceva a Ercolano perché le strutture sanitarie sono tutte nelle città limitrofe. A Marta, a mamma Carmela, a papà Mario e a tutta la loro bella famiglia i migliori auguri da tutta la città di Ercolano” commenta Ciro Buonajuto, il sindaco della città.

 

 

 

Leggi anche



Articolo precedenteAuto in fiamme a Pomigliano: traffico in tilt lungo quel tratto di strada
Prossimo articoloGiugliano, auto contro cancello di una villa
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.