3 Agosto 2021

Imbroglio Green Pass, alcune farmacie chiedono 2 euro per stamparlo

green pass

Green Pass: denunciato il tentativo di imbroglio di alcune farmacie, che chiedono due euro per stampare il certificato, quando invece dovrebbe essere gratuito

Chiedono due euro per stampare il Green Pass, quando dovrebbe essere gratuito. L’imbroglio di alcune farmacie italiane che, invece di offrire il servizio gratuitamente come dovrebbe essere, cercano di guadagnare qualcosa. Le segnalazioni sono arrivate dalla città di Firenze, ma non è solo una farmacia a tentare di speculare sul certificato verde.

Secondo quanto riporta Vesuviolive, infatti, questa pratica si sarebbe diffusa in tutto lo Stivale, e anche in Campania. Federfarma ha però specificato che nessuno dovrebbe speculare sul Green Pass, e che le farmacie dovrebbero stamparlo gratuitamente. Leggiamo il comunicato.

Federfarma ribadisce ulteriormente in una circolare che, secondo quanto riportato dal decreto legge in materia di messa a disposizione agli interessati delle certificazioni verdi Covid-19 generate dalla piattaforma nazionale-DGC, i certificati sono rilasciati gratuitamente da ASL, laboratori, medici e farmacie, senza oneri a carico del cittadino, fermo restando l’impossibilità del cittadino di provvedere autonomamente alla stampa del certificato o al suo download. La circolare Federfarma, consultabile nella sezione ad accesso riservato del sito www.federfarma.it, riporta anche la specifica del regolamento Europeo in materia di green pass che precisa come “il titolare ha diritto di chiedere il rilascio di un nuovo certificato se i dati personali figuranti nel certificato originale non sono, o non sono più, esatti o aggiornati, anche per quanto riguarda la vaccinazione, il risultato del test o la guarigione del titolare, o se il certificato originale non è più a sua disposizione”.

Leggi anche: Andrea Sottil: “Il Napoli può fare il definitivo salto di qualità”.

Per ulteriori notizie su cronaca, attualità, cultura, sport e approfondimenti sull’emergenza Coronavirus potete continuare a seguirci sul sito o sulle pagine social!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.