Feltri attacca il Sud: “Avete ciucciato quattrini, meritate una brutta fine”

Feltri
Immagine di repertorio

Vittorio Feltri, giornalista e saggista italiano, continua ad attaccare il Sud. Dopo l’attacco di ieri infatti è tornato alla carica con nuove dichiarazioni

Vittorio Feltri, Direttore di Libero continua a scagliarsi contro il Sud Italia. Le sue parole, che avevano già fatto discutere nella giornata di ieri, sono state ancor più dure. Così ha infatti scritto sul Portale Libero Quotidiano: “Prima o poi il Nord lascerà l’Italia”. Parole che sanno di sfida. Feltri continua nella sua strenua convinzione che il Nord non sbagli mai nulla.

Il Giornalista si è poi espresso analizzando le accuse mosse alla Lombardia per la gestione del Coronavirus. Ecco le parole di Feltri: Manca soltanto la Lombardia per creare una frattura tra le due Italie divise da una antipatia reciproca che si era sopita e che le polemiche sul virus hanno risvegliato in modo drammatico. Attenzione, manutengoli ingordi, a non tirare troppo la corda poiché correte il pericolo di rompere il giochino che fino ad ora vi ha consentito di ciucciare tanti quattrini dalle nostre tasche di instancabili lavoratori. Noi senza di voi campiamo alla grande, voi senza di noi andate a ramengo. Datevi una regolata o farete una brutta fine, per altro meritata”.

Parole al veleno, dichiarazioni che di certo non passeranno inosservate. Insomma, in un periodo in cui l’Italia tutta dovrebbe stringersi più che mai, compattarsi, essere unita, fare fronte comune contro questo “nemico invisibile e letale”, c’è chi continua ad attaccare il Sud pur di non ammettere che magari nella Regione Lombardia qualche errore lo si è commesso. Sicuramente le sue parole faranno rumore, per usare un eufemismo. Fatto sta che Vittorio Feltri ha ancora una volta scagliato la sua furia contro il Sud.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: FELTRI: “RIAPRIRE PERCHE’ AL NORD NON SI SUONA IL MANDOLINO, SI VUOLE LAVORARE”. CLICCA QUI.

Feltri:”Riaprire perchè al nord non si suona il mandolino, si vuole lavorare”

SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.