Ennio Fantastichini stroncato da leucemia

Ennio Fantastichini muore stroncato dalla leucemia: l’attore aveva 63 anni ed era ricoverato al policlinico Federico II di Napoli

Ennio Fantastichini si è spento ieri, sabato 1 dicembre, a soli 63 anni a Napoli. L’attore, nato a Gallese in provincia di Viterbo, era ricoverato da quindici giorni nel reparto di rianimazione dell’ospedale Federico II. A stroncare il famoso attore è stata un’emorragia cerebrale a sua volta causata dalla grave forma di leucemia che lo affliggeva.

Ennio Fantastichini ha dimostrato fin da giovanissimo una passione e gran talento per la recitazione. Ha studiato presso l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, nei primi anni Settanta, e debuttato a teatro a soli quindici anni. Nel 1982 esordisce nel cinema con un ruolo nel film di Paolo Bologna, “Fuori dal giorno”. Da quel momento in poi la sua carriera si è alternata tra palcoscenico e piccolo e grande schermo, conquistando anche il mondo delle fiction.

Classe 1955, l’attore ha recitato, infatti, al fianco di pietre miliari del nostro cinema come Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman, conquistando nel tempo grandi riconoscimenti. Il ruolo in “Mine Vaganti” di Ozpetek gli è valso, per esempio, il David di Donatello come miglior attore non protagonista nel 2010, mentre con “Porte aperte” ha conquistato il nastro d’argento e il Premio europeo nel nome di Fassbinder.

Tra gli altri successi a cui Ennio Fantastichini ha preso parte ricordiamo, giusto per nominarne qualcuno, “I soliti ignoti, vent’anni dopo”, “Paolo Borsellino”, “Saturno contro”, “Squadra antimafia”, “Ferie d’agosto”, “Napoléon”.

 

Fonte foto gossipblog.it