Ecoballe: situazione critica che non accenna a migliorare!

ecoballe

La “NeverEnding Story” delle ecoballe – Il rapporto della commissione ecomafie è chiaro: Poteva essere fatto di più. La terra dei fuochi è abbandonata.

Ecoballe – Una regione in stallo. Certo qualcosa si è mosso ma poteva e può essere ancora fatto di più.

L’1,7% di ecoballe rimosse a fronte dei 66 milioni investiti dal precedente governo è decisamente poco.

E’ naturalmente critico il ciclo dei rifiuti e la situazione in Campania.

Le ecoballe ormai depositate da un ventennio, cittadini che vedono malvolentieri investimenti di strutture che potrebbero essere decisive per lo sblocco della situazione, un governo e una regione che collaborano poco e la terra dei fuochi che continua a subire il martirio burocratico ed economico-sociale del paese.

Tutto questo emerge dalla relazione della Commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti campani.

Cosa emerge?

A spiegare tutto c’è Chiara Braga, deputata del Pd al collegio di Como, da anni impegnata sul tema dell’ambiente:

“Per quanto riguarda il ciclo dei rifiuti, la regione Campania soffre ancora di una situazione critica, sia per quanto riguarda la gestione ordinaria – mancato raggiungimento dell’autosufficienza e di una soluzione per il trattamento degli scarti provenienti dalla raccolta differenziata, prosecuzione della gestione straordinaria delle società provinciali, procedure di infrazione europea – sia per quanto riguarda la gestione del ciclo straordinario dei rifiuti”.

E sulle ecoballe “la situazione è ancora molto critica”.

Capitolo depuratori:

Sul tema dei depuratori campani, “la situazione presenta ancora oggi punti di forte criticità: il 22 per cento circa della popolazione residente totale non è ancora servita da impianti di depurazione. La gestione del ciclo delle acque non è affidata, come vuole la legge, dai comuni o dalle associazioni degli stessi (gli ATO) e le gestioni avvenute prevalentemente senza appalti hanno comportato un’evidente ricaduta in termini di aggravi di spesa”.

La relazione è composta da oltre 700 pagine e affronta anche le vicende giudiziarie e il ruolo della criminalità organizzata in campo ambientale, la vicenda della Terra dei Fuochi, con una mappatura dei terreni agricoli interessati da effetti contaminanti e la loro eventuale destinazione ad uso agricolo.

Fonte ansa