Colpo per la Gis Ottaviano: arriva il centrale Picardo

ottaviano

Non si ferma il mercato della Gis Pallavolo Ottaviano che porta a termine un altro colpo sensazionale

Non si ferma il mercato della Gis Pallavolo Ottaviano che porta a termine un altro colpo sensazionale. La Pallavolo di Ottaviano, dopo le prime riconferme e l’innesto di Ardito, porta all’ombra del Vesuvio il giovane Antonio Picardo. Si tratta di un centrale classe ’96 ed altoi 196 centimetri. Originario di Isernia, nonostante la sua giovane età, possiede già un curriculum davvero importante. Infatti Picardo ha giocato nelle giovanili quando Isernia militava in Serie A per poi collezionare presenza in B e vari play off in Serie C

Entusiasta il ragazzo della scelta: “ Sono molto felice di questa mia esperienza fuori regione. Voglio crescere ancora e Ottaviano mi sembra l’opportunità giusta. Una squadra molto forte con tanto talento e io sono orgoglioso e contento di aver accettato la chiamata”.

“ Ciò che mi ha spinto ad accettare è stato il progetto. La società punta in alto e io voglio crescere accanto a gente che ha calcato campi importanti come Antonio Libraro. Poi conosco il mister di cui ho sentito parlare sempre bene e non vedo l’ora di cominciare”.

“ L’obiettivo principale è vincere ogni partita. Noi dobbiamo essere convinti di poterlo fare e siamo sicuri che daremo tutto in campo, poi vedremo quale sarà il risultato.”

Soddisfatto anche il DG Raffaele Ugliano:” Antonio Picardo è un’atleta di prospettiva così come sarà il nostro prossimo campionato di B. Una stagione di consolidamento e di crescita per tutto il nostro movimento. Antonio è un ragazzo dalle grosse potenzialità, sia fisiche che tecniche, data anche la sua giovane età. E’ un giocatore che avevamo seguito già in passato e che speriamo possa mettersi in mostra in questa stagione. Tecnicamente è un centrale che predilige di più l’attacco che il muro , ma grazie al duro lavoro a cui sono sicuro il nostro mister lo sottoporrà, sono certo che i frutti anche in questo fondamentale non tarderanno a venire. Benvenuto Antonio”.