Carlo Ancelotti, il mister in conferenza stampa: mercato, Cavani, infortuni, progetti…

Ancelotti
Immagine di repertorio

Carlo Ancelotti, in conferenza stampa per la chiusura del ritiro. Soddisfazione per il lavoro svolto, elogi al gruppo, i rapporti con la rosa e col patron

Carlo Ancelotti alle 12:30 ha tenuto presso il Teatro Comunale di Dimaro la consueta conferenza stampa di fine ritiro.

Numerosi, i temi trattati dal nuovo tecnico del Napoli.

Il bilancio di questo primo ritiro in Val di Sole con la squadra partenopea è del tutto positivo. Abbiamo trovato un’accoglienza professionale ineccepibile. Le strutture sono di ottimo livello ed il campo d’allenamento è in perfette condizioni. Ci siamo sentiti supportati dal calore del pubblico lungo tutto il ritiro dimarese“.

Il tecnico si è detto entusiasta del gruppo: “Abbiamo un’ottima rosa. I giocatori sono tutti di elevato livello tecnico. Ho trovato conferme di quanto avevo visto negli ultimi anni: i giocatori sono dotati di ottime conoscenze tattiche e tecniche. Amano mettersi a disposizione del Mister e sono inclini ad apprendere qualsiasi consiglio“.

Non poteva mancare un focus sugli infortuni che si sono abbattuti sugli azzurri in questi giorni di ritiro: “Abbiamo avuto degli intoppi, come gli infortuni di Meret e di Zielinski. Ma il lavoro è stato svolto in maniera proficua ed è stato ben assimilato da tutti“.

Impossibile non fare un riferimento al parco attaccanti, con il nome di Cavani che aleggia incessantemente da un paio di settimane sul ritiro partenopeo.

La rosa è fortemente competitiva in tutti i reparti. Giovane e di grande qualità fisica. Gli attaccanti a disposizione sono di qualità. Dobbiamo pensare a valorizzare i giocatori che abbiamo in squadra. Cavani? I giocatori delle altre squadre non suscitano il mio interesse“.

A chi gli ha domandato come fossero i rapporti con il Presidente Aurelio De Laurentiis, il Mister ha risposto che non ha mai avuto alcuna discussione con il patron e che c’è assoluta sintonia.

Un focus sul mercato in entrata: “La società sta valutando i profilo adatti per il ruolo di terzino destro e del terzo portiere. Abbiamo tempo: il mercato si chiude il 18 agosto“.

L’attenzione del Mister si è poi concentrata su Inglese, che è stato bersaglio di qualche polemica nei giorni scorsi sui social. “Il ragazzo può fare molto bene: è un grande lavoratore, umile e modesto. Ho grande fiducia in lui e nelle sue capacità. In attacco avremo una sana competizione, che è un valore aggiunto per una squadra che voglia essere competitiva a più livelli“.

A suscitare l’interesse della stampa il nuovo ruolo del Capitano, Marek Hamsik. Queste le parole di Carlo Ancelotti: “Provo grande soddisfazione per le prove offerte da Marek in questo nuovo ruolo. Non puntiamo su un unico giocatore, le pressioni saranno divise su tutti: ogni volta si punterà sui giocatori più freschi e motivati“.

Sul ruolo di Insigne, provato falso nueve nell’amichevole di Trento contro il Carpi, Carlo Ancelotti ha detto “Insigne resta dove sa giocare“.

Su Callejon, che la stampa ha più volte dato come possibile partente: “Il giocatore sta facendo molto bene: con lui, la squadra ha a disposizione una soluzione di gioco in più, che permette di aggredire la profondità“.

C’è stato spazio anche per una note goliardica sul Karaoke: “Il migliore? Senza dubbio io“.

Interrogato sul mercato delle dirette contendenti al titolo italiano, il mister ha subito chiuso la questione affermando con sicurezza: “Non voglio fare confronti con le altre squadre“.

Argomento di discussione è stato anche il centrocampo azzurro: “Il reparto di centrocampo è molto vario. I giocatori a disposizione garantiscono una rotazione di qualità elevata in questa zona di campo“.

Sulle sue sensazioni in questa nuova avventura partenopea: “Sono molto contento di essere ritornato in Italia, di parlare di nuovo la nostra lingua. La mentalità vincente si costruisce insieme, non è qualcosa che l’allenatore possa inculcare forzatamente ai giocatori“.

Come sarà il Napoli di Ancelotti? Non esiste il Napoli di Ancelotti: il Napoli è di Napoli“.

Su Milik, queste le dichiarazioni di Carlo Ancelotti: “Ha iniziato la preparazione un po’ più tardi rispetto agli altri ma è molto motivato e pronto“.

Sui tifosi partenopei: “Il pubblico napoletano è estremamente appassionato e corretto. Sono sorpreso dalle contestazioni di ieri contro il Presidente“.

Ed, infine, una dichiarazione d’intenti: “Il gruppo c’è, ed è dotato di grande qualità. Il prossimo step è vincere le partite“.