Brindisi e musica, Castellammare dice no

brindisi

Sanzioni e sospensione della licenza, il commissario prefettizio Vaccaro dice no ai brindisi ed alla musica in strada

Quest’anno non ci sono dubbi per i commercianti stabiesi e la cittadinanza tutta: divieto di vendita di alcolici, niente musica e niente brindisi in strada. Con l’ordinanza n.6 del 29 dicembre, il commissario prefettizio del Comune di Castellammare di Stabia, C. Vaccaro, ha deciso così di contrastare la trascinante “tradizione” di festa e divertimento che si consuma ogni capodanno nella ridente cittadina; questa volta non è solo un monito (come accaduto gli anni scorsi), bensì una presa di posizione ben definita.

L’ordinanza sarà in vigore – e con essa, le pattuglie della Polizia Municipale – dalle 8 di mattina del 31 Dicembre fino alle 8,00 della mattina seguente, ovvero il 1° Gennaio 2016 e vieta la vendita di qualsiasi bevanda alcolica (senza restrizione di gradazione) da parte di tutti gli esercizi disposti (bar, rosticcerie, ristoranti) e l’installazione di impianti audio e di amplificazione  per l’intrattenimento.

Per chi vorrà prendere parte a brindisi in luogo pubblico od organizzare animazioni con tanto di accompagnamento musicale, le contravvenzioni saranno dai 25€ fino ad un massimo di 500€, con possibilità di sospensione della licenza commerciale da 3 a 5 giorni, anche per una sola trasgressione.

Una decisa svolta verso una ricorrenza caratterizzata dall’esagerazione e dell’inciviltà, per di più riposte nei pochi, ma che colpisce tutti.