Boss mafiosi chiedono scarcerazione per Coronavirus

SUICIDIO
Foto: Il Giorno

Sono 456 i boss mafiosi che hanno presentato istanza di scarcerazione per Coronavirus. 225 di questi sono detenuti definitivi

Oltre 456 boss mafiosi da tutta Italia potrebbero aver presentato istanza di scarcerazione causa Coroanvirus. Lo rende noto Adnkronos, che ha visionato la nota inviata da Roberto Tartaglia, vicecapo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Dei boss di cui si conoscono le istanze, 225 sarebbero detenuti definitivi, mentre i restanti sono “in attesa di primo giudizio, imputati, appellanti e ricorrenti”. I detenuti sono tutti sottoposti al regime 41 bis e appartenenti al circuito dell’alta sicurezza.

Nel documento si legge che il dato non comprende le richieste che i boss mafiosi potrebbero avere avanzato attraverso i propri difensori di fiducia o per il tramite dei familiari. Inoltre, non sono comprese quelle che “potrebbero avere trasmesso in busta chiusa all’Autorità giudiziaria”. Per ottenere informazioni su queste ultime tre tipologie di richieste, ci vorrà più tempo.

Il Dap ha subito dato inizio “all’acquisizione dagli istituti penitenziari delle istanze presentate e alla conseguente attività di analisi finalizzata alla predisposizione di idonee misure organizzative”. Dal documento emerge che, oltre ai boss mafiosi citati, in questo momento ci sono 745 detenuti sottoposti al regime del carcere duro e 9.069 detenuti appartenenti al circuito penitenziario dell’alta sicurezza.

Di questi, 273 detenuti “appartengono al sottocircuito alta sicurezza 1”, 80 “al sottocircuito alta sicurezza 2” e 8.716 detenuti appartengono al sottocircuito alta sicurezza 3.

Leggi anche: Mertens è cercato da mezza Europa. Un’altra big si aggiunge.

Se vuoi essere sempre informato su argomenti di Cronaca, Attualità, Cultura e tanto altro continua a seguire il nostro sito o la nostra pagina Facebook!