Violenza sessuale: l’intervento del sindaco e l’iniziativa dei cittadini

violenza

Il sindaco Zinno esprime la sua opinione sulla violenza sessuale subita da una giovane ieri pomeriggio. I cittadini scendono in piazza con una candela rossa

La città di San Giorgio a Cremano resta sgomenta alla notizia della violenza sessuale subita da una giovane ieri nel tardo pomeriggio.

Il sindaco utilizza i social per dichiarare il suo disappunto e alla notizia del fermo degli aggressori così scrive su Facebook: «LI HANNO PRESI.
Ieri pomeriggio una ragazza è stata assalita e violentata nella circumvesuviana di San Giorgio a Cremano. Una notizia che ha creato sgomento e paura in tutti noi. Ho sentito subito il dirigente di Polizia di Stato Dott Pasquale Toscano che ha iniziato insieme agli uomini della Polizia di Stato locale una ricerca spasmodica dei criminali.

Impossibile pensare che un crimine del genere avvenga nella nostra città, ancora più impensabile che nessuno veda. Grazie alla collaborazione immediata dell’Eav e del suo presidente Umberto de Gregorio , che ha collocato telecamere di sicurezza lungo tutti i percorsi della stazione avendo la responsabilità del luogo, la Polizia di Stato ha potuto verificare l’accaduto e iniziare la ricerca. La bravura degli agenti coinvolti e la loro perseveranza durante tutta la notte hanno fatto si che si arrivasse a trovare i probabili colpevoli e a effettuare il fermo di tre persone.

Più notizie le avremo durante la giornata, ma è fondamentale sapere che la nostra città oggi si sveglia consapevole che i mostri esistono, ma che qui vengono immediatamente presi e buttati in cella. La nostra città, come tutte, può essere colpita da balordi che agiscono contro l’essere umano, ma si sappia che qui non ci si ferma mai finché chi delinque non viene punito. Un caldo e commosso grazie va a tutti gli uomini che nella notte hanno lavorato per darci un buon risveglio. Siamo ancora scossi dalla notizia, ma fiduciosi sempre più nella azione della Polizia di Stato sul nostro territorio.

Ieri sera tardi ho notiziato anche il Sindaco Vincenzo Cuomo dell’accaduto dato che non aveva avuto nessuna notizia diretta dalle Forze dell’Ordine essendosi svolto il crimine sul territorio di San Giorgio a Cremano, per comprendere come coordinarci sulle azioni possibili da mettere in campo , anche per essere vicini alla ragazza porticese.»

Nel frattempo. i cittadini si stringono intorno al dolore della ragazza e della famiglia e si organizzano per scendere in piazza con una candela rossa.

Così continua Zinno in un altro post: «L’amica Oriana Russo, da sempre impegnata nel mondo della cultura e dei diritti del nostro territorio, ha quindi lanciato una proposta: “Quando succede qualcosa che sconvolge una comunità si sente il bisogno di stringersi ed usare dei simboli poiché le parole non bastano. Perché non vederci nella piazzetta della stazione con una candela rossa domani sera alle 20?”.

Oriana hai pienamente ragione: in momenti come questi ancora di più abbiamo necessità di sentirci comunità e di dimostrare, tutti insieme, vicinanza alla ragazza che ha subito violenza. Per questo motivo invito i cittadini, le forze politiche, le associazioni e tutti coloro che si sentono coinvolti e lo vogliono essere a raggiungere piazza Trieste e Trento stasera alle 20.00, senza simboli, senza bandiere.

Non ci stringeremo attorno alla vittima di ieri, ma anche con tutte le vittime che ogni giorno subiscono le vessazioni da parte di coloro che si sentono forti, ma invece sono solo dei mostri».