Teatro San Carlo: gli spettacoli della nuova stagione

Teatro San Carlo

Il Teatro San Carlo apre le porte ai suoi spettatori. In scena opere e balletti

Il Teatro San Carlo è lode e onore dei napoletani fin dalla sua fondazione. Desiato da Re Carlo di Borbone, è il più antico teatro dell’opera al mondo, il più antico attualmente attivo in Europa. Ciò nonostante non smette di offrire ai nuovi e ai più affezionati spettatori i più belli spettacoli che il panorama artistico contemporaneo possa offrire. La prossima stagione si prospetta, come sempre, ricca di eventi e importanti protagonisti. Di seguito il programma di Opera e Balletto del 2019

Balletto

29 dicembre 2018 – 5 gennaio 2019: LO SCHIACCIANOCI – Piotr I. Tchaikovsky
Balletto in due atti e tre scene basato su uno scenario di Marius Petipa dalla versione di Alexandre Dumas padre del racconto di  E. T. A. Hoffmann,  Nußknacker und Maüsekönig (Schiaccianoci e il Re dei Topi). Direttore | Karen Durgaryan

30 marzo – 3 aprile 2019 + 15 -19 giugno: IL LAGO DEI CIGNI – Piotr I. Tchaikovsky
Balletto in quattro atti  su libretto di Vladimir Petrovic Begičev basato sull’antica fiaba tedesca, Der geraubte Schleier (Il velo rubato), seguendo il racconto di Jophann Karl August Musäus. 
Direttore | Aleksej Baklan

5 -12 luglio 2019: PULCINELLA – Igor Stravinsky
Balletto in un atto con canto. Direttore | Maurizio Agostini

18 – 23 ottobre: SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE – Felix Mendelssohn – Bartholdy
Balletto in due atti e sei scene tratto dall’omonima commedia di William Shakespeare.
Direttore | Pietro Borgonovo

Opera

16 – 22 gennaio: LA BOHÈME –  Giacomo Puccini
Opera in quattro atti su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica dal romanzo di Henri Murger, Scènes de la vie de bohème. 
Direttore | Alessandro Palumbo

3 – 9 febbraio 2019: LADY, BE GOOD! – George e Ira Gershwin
Musical in due atti.
Direttore | Nick Davis

22 – 28 febbraio 2019: UN BALLO IN MASCHERA – Giuseppe Verdi
Opera in tre atti su libretto di Antonio Somma, da Gustave III, ou Le Bal masqué (1833) di Eugène Scribe.
Direttore | Donato Renzetti

17 – 24 marzo 2019: LES CONTES D’HOFFMANN – Jacques Offenbach
Opera fantastica in cinque atti su libretto di Jules Barbier, tratto da una pièce scritta nel 1851 assieme a Michel Carré.
Direttore | Pinchas Steinberg

16 – 20 aprile 2019 + 25 maggio – 1 giugno: MADAMA BUTTERFLY – Giacomo Puccini
Tragedia giapponese in tre atti su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, dedicata alla regina d’Italia Elena di Montenegro e tratta dalla tragedia Madame Butterfly di David Belasco, a sua volta tratta dal racconto Madame Butterfly di John Luther Long.
 Direttore | Gabriele Ferro

11 – 18 maggio 2019: DIE WALKÜRE – Richard Wagner
Opera in tre atti su libretto dell’autore.
Direttore | Juraj Valčuha

6 – 14 luglio 2019: CAVALLERIA RUSTICANA – Pietro Mascagni
Opera in un unico atto su libretto di Giovanni Targioni -Tozzetti e Guido Menasci, tratto dalla novella omonima di Giovanni Verga.
Direttore | Juraj Valčuha

20 settembre – 5 ottobre 2019: LA TRAVIATA Giuseppe Verdi
Opera in tre atti su libretto di Francesco Maria Piave, basata su La Dame aux Camélias, opera teatrale di Alexandre Dumas figlio.
Direttore | Stefano Ranzani

7 al 12 novembre 2019: ERMIONE – Gioachino Rossini
Azione tragica in due atti su libretto di Andrea Leone Tottola tratto dalla tragedia Andromaque di Jean Racine.
Direttore | Alessandro De Marchi

dal 20 al 26 novembre 2019: PAGLIACCI – Ruggero Leoncavallo
Opera lirica in due atti su libretto dell’autore.
 Direttore | Jordi Bernàcer

Articolo precedenteNapoli,facciamo il punto della situazione.Tra Campionato,Coppa Italia e EL
Prossimo articoloNetflix si tinge di Napoli per le feste: buon Natale da San Gregorio
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.