Suona l’allarme di casa, 56enne imbraccia il fucile ed esplode alcuni colpi



suona
Si ringrazia per l'immagine "BresciaToday"

Suona l’allarme dell’abitazione, armato di fucile spara alcuni colpi e danneggia le abitazioni dei vicini. Denunciato un 56enne di Mugnano

Suona l’antifurto, 56enne spara con un fucile per spaventare i ladri. I Carabinieri della stazione di Mugnano di Napoli hanno denunciato un uomo di 56 anni, incensurato, accusato di detenzione abusiva di munizionamento e danneggiamento aggravato.

Le indagini sono state avviate in seguito a due denunce presentate il 27 luglio scorso. Un uomo di 69 anni di Mugnano aveva denunciato il danneggiamento di un infisso della propria abitazione, colpito da un pallino metallico proveniente, probabilmente, da un fucile da caccia.

Una denuncia analoga era stata sporta anche da un altro cittadino. Un proiettile, infatti, aveva danneggiato anche la finestra della sua abitazione.

I Carabinieri hanno condotto le indagini e hanno individuato il responsabile degli spari: il loro vicino di casa.

Secondo la ricostruzione dei fatti effettuata dalle forze dell’ordine, infatti, il proprietario dell’abitazione adiacente a  quella dei due denuncianti, ogni volta che sentiva l’antifurto suonare, armato di fucile, sparava alcuni colpi. L’intento era certamente quello di intimorire gli eventuali malviventi.

Il 56enne, oltre al fucile, deteneva in casa anche altre armi, tutte regolarmente registrate: un fucile Damasco cal. 12, un fucile cal.12 marca Lorenzotti, un fucile Beretta cal.12, una pistola “Brigadier” Beretta cal.9×21 e una pistola Beretta cal. 7,65.

Secondo quanto riporta Il Mattino, i Carabinieri hanno disposto il sequestro delle armi in via preventiva. Oltre alle armi, i militari hanno rinvenuto numerosi proiettili, alcuni dei quali compatibili con quelli trovati nelle due abitazioni danneggiate, altri detenuti abusivamente.

Leggi anche