Stadio San Paolo, rubati i faretti dei nuovi bagni

stadio
FOTO: vocedinapoli.it

Già rubati i nuovi faretti messi nei bagni dello Stadio San Paolo appena ristrutturati per l’occasione delle Universiadi di luglio

Napoli si risveglia con una spiacevole notizia: i bagni dello Stadio San Paolo, appena ristrutturati per le Universiadi, sono stati già vandalizzati.

I faretti nuovi sono stati derubati da qualche tifoso durante la partita di domenica sera tra il Napoli e l’Inter.

La notizia è stata confermata stamane dal Comune di Napoli e dall’Assessore Borriello che ha dichiarato:«Purtroppo stamattina abbiamo constatato che sono stati rubati 5 faretti in un bagno e 7 in un altro. Non è giusto, perché tutti noi vogliamo i bagni nuovi, puliti, però dopo neanche un mese che sono stati fatti, avvengono questi episodi. È una mancanza di rispetto. Vergognoso. Per un paio di imbecilli, non è giusto paghino tutti».

Ha continuato Borriello: «L’appello va alla stragrande maggioranza di tifosi che se vede una cosa del genere, deve segnalarla allo steward nelle immediate vicinanze. Adesso che mettiamo i sediolini nuovi, che succede? La cosa mi preoccupa. Nella nuova convenzione prevediamo anche una sorta di “controllo” dei bagni. C’è stato quest’episodio a cui daremo il massimo risalto per sensibilizzare il resto dei tifosi».

Sullo spiacevole episodio si sono pronunciati anche il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride, Marco Gaudini: «Episodio inquietante, chi lo ha commesso è un criminale, sia che si tratti di un furto sia che si tratti di un atto teppistico. Restiamo basiti e amareggiati dinanzi all’episodio dei dodici faretti rubati dai nuovi bagni della Curva A dello stadio San Paolo. Si tratta di un episodio che testimonia l’assoluta inciviltà di chi non merita l’appellativo di tifoso».

«Purtroppo il furto dei faretti denota, ancora una volta, che esistono porzioni della popolazione che sono completamente avulse dalle regole del vivere civile e non perdono occasione per dimostrarlo – continuano ad affermare i due consiglieri».

Un episodio questo che ci deve far riflettere in quanto noi tutti cittadini paghiamo le conseguenze di questi atti vandalici.