2 Agosto 2021

“Se passi da qui devi spegnere queste luci”: minacciato il 118

tragedia

“Se passi da qui devi spegnere queste luci”. Un mezzo di soccorso è stato minacciato nei quartieri. I lampeggianti confondevano con la polizia

“Se passi da qui devi spegnere queste luci” è la minaccia ricevuta da un mezzo di soccorso questa notte nei Quartieri Spagnoli.

La notizia è stata riportata dall’Associazione di Promozione sociale “Nessuno tocchi Ippocrate” sulla propria pagina Facebook.

Come si legge, il mezzo di soccorso del 118 era stato chiamato con un codice di minore gravità, per questa ragione non aveva la sirena spiegata, ma solo i lampeggianti.

Poco dopo è stato affiancato da uno scooter con due giovani a bordo, che hanno dato dei pugni alla fiancata e intimato al conducente di spegnere le luci.

Di seguito il racconto dei rappresentanti dell’Associazione:

Improvvisamente il mezzo di soccorso, durante il suo tragitto alla ricerca dell’utente da soccorrere (codice di minore gravità quindi il mezzo era solo con i lampeggianti accesi, senza sirena) viene affiancato da due giovani in scooter che, dopo aver dato 2 pugni sulla fiancata del mezzo hanno esclamato:” STRUNZ! Si pass acca’ ea stuta’ sti luce!” (Trad. stronzo, se passi da qui devi spegnere queste luci).

Naturalmente l’autista, data anche la “non urgenza” dell’intervento, ma pur sempre una chiamata 118, decide di spegnere i lampeggianti.

Oramai svolgere questo lavoro, in questo contesto, mette a dura prova tutte le categorie di lavoratori e risulta molto facile cadere in un “burnout “!
Evidentemente i lampeggianti del mezzo di soccorso, tra i vicoli della metropoli, si confondevano con quelli della polizia impedendo in tal guisa ad alcuni malfattori le loro attività illecite!

La motivazione per la quale il mezzo doveva spegnere le luci riguardava la possibilità di confondere il veicolo con l’auto della polizia, interrompendo eventuali traffici illeciti che si stavano svolgendo nella zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.