3 Novembre 2022

Sandro Ruotolo vivo per miracolo – Il racconto via social

Sandro Ruotolo vivo per miracolo ha raccontato sui social i suoi problemi di salute e ha ringraziato il personale sanitario che lo ha salvato.

Sandro Ruotolo

Sandro Ruotolo, noto giornalista napoletano ed ex senatore, ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook in cui ha raccontato i problemi di salute che lo hanno costretto in un letto di ospedale negli ultimi 12 giorni, riducendolo in fin di vita.

Fortunatamente, il pericolo è scampato grazie ai medici e agli infermieri che con cura e meticolosità gli hanno fornito tutte le cure e le attenzioni necessarie; a loro Ruotolo ha rivolto un ringraziamento sincero.

Ecco il testo postato sui social da Sandro Ruotolo, accompagnato dall’immagine in copertina:

Finalmente il peggio è passato. Solo ora vi posso raccontare quello che mi è successo negli ultimi dodici giorni. E ve lo posso raccontare perché sono vivo e mi ha salvato la vita il servizio sanitario nazionale del nostro Paese. Mi hanno preso in tempo. Domenica 23 ottobre. Un broncospasmo mi blocca la respirazione. Chiamo il 118. In 4 minuti arriva l’autoambulanza. Perdo subito conoscenza. Codice rosso. Sedato e intubato per due giorni e mezzo. E poi la rianimazione in un ospedale romano, per tutti questi giorni fino al passaggio in reparto, avvenuto oggi pomeriggio. Ringrazio pubblicamente queste donne, questi uomini, medici, infermieri del servizio sanitario pubblico. Tutti, ma proprio tutti, li ringrazio per la passione, la professionalità, l’impegno. So che tanti amici hanno pregato per me nei momenti più drammatici. E li ringrazierò per sempre. Volevo aspettare di uscire dalla rianimazione prima di parlarne pubblicamente. Viva il servizio sanitario nazionale del nostro Paese!

In tantissimi hanno commentato il post di Sandro Ruotolo con messaggi affettuosi di incoraggiamento e di pronta guarigione, ai quali si accoda anche la redazione di Napoli Zon.

Potrebbe interessarti leggere anche : Minacciato di morte il Senatore Sandro Ruotolo: “Fai molta attenzione”