Gio - 27 Gennaio 2022
HomeAttualitàSan Gregorio Armeno, la crisi fa spazio ai cinesi

San Gregorio Armeno, la crisi fa spazio ai cinesi

Covid-19

Italia
2,706,453
Totale casi Attivi
Updated on 27 January 2022 18:33

San Gregorio Armeno, la via dei presepi, è in forte crisi. Proposte di acquisto delle attività arrivano da imprenditori cinesi

NAPOLI – La famosa via di pastori, San Gregorio Armeno, conosciuta in tutto il mondo sta risentendo molto della grossa crisi stiamo attraversando.

L’emergenza Covid-19, ha creato non pochi problemi all’economia e, soprattutto al settore degli artigiani.

Una crisi che gli artigiani lamentavano  già da qualche anno e che è andata peggiorando sempre più, soprattutto con le problematiche attuali.

Marco Ferrigno, della storica famiglia di pastorai, ha dichiarato in un’intervista: “San Gregorio Armeno si trova oggi in uno stato di lentissima agonia, anzi è quasi già morta. Un deserto come quello di ieri qui a novembre non si era mai visto“.

“Nell’ultima giornata di zona gialla, a San Gregorio c’erano i nostalgici -continua Ferrigno- i napoletani, come in Natale in Casa Cupiello di Eduardo De Filippo. Hanno comprato sughero e pastori per fare il presepe a casa durante il lockdown. San Gregorio non è mai stata tanto deserta come in questo periodo. Siamo esclusi dai ristori e del tutto abbandonati dalle istituzioni. Proveremo a vendere le statuine e i pezzi del presepe attraverso il sito, e come me faranno anche altri artigiani”.

Le difficoltà che stanno attraversando le botteghe artigiane sono, dunque, molto serie e in tante rischiano la chiusura definitiva.

Dalla Cina sono già arrivate proposte di acquisto delle attività da parte di alcuni imprenditori e questa potrebbe essere l’unica via, forse, per recuperare le ingenti perdite degli ultimi tempi.

Gli artigiani chiedono aiuto allo Stato, affinchè ciò non accada, affinchè la strada non venga snaturata per sempre della sua peculiarità artigianale natalizia.

Allo Stato non sarebbe costato tanto, secondo alcuni, stanziare 20mila euro per ogni bottega.  Migliaia di bar rientrano nella ‘legge ristori’, loro invece ne sono completamente esclusi.

 

FONTE: Il Meridiano News

 

SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK E RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON OGNI NOTIZIA DI CRONACA, ATTUALITA’, SPORT, CULTURA, EVENTI, POLITICA E UNIVERSITA’: CLICCA QUI.

 

 

 

Latest Posts

ULTIME NOTIZIE