Salone Margherita: il ritorno del Café Chantant

café chantant

Dalla Francia all’Italia, dal XIII al XXI secolo: torna in auge il Café Chantant. In scena “Era Napoli” al Salone Margherita

Il Café Chantant nasce in Francia durante il periodo dell’Illuminismo. Si tratta di una tipologia di spettacolo dal gusto eclettico e frizzante. Operette, giochi di prestigio, monologhi, balletti e sonate erano le esibizioni alle quali si poteva assistere sorseggiando  bevande e sgranocchiando stuzzichini in un’ampia sala, insomma un mix tra un teatro e un café house.

Dalla Francia il Cafè Chantant si è diffuso in tutta Europa e così anche in Italia e, oggi, dopo un lungo periodo di decadenza sembra essere tornato in voga. Il Salone Margherita ha, di recente, riaperto i battenti a questa tipologia di spettacolo e, dopo il successo della prima di sabato 19 Gennaio, il prossimo venerdì 25 gennaio 2019 ore 20.30 vi sarà la replica dello spettacolo “Napoli & il cafè chantant”. Sul palco la compagnia teatrale di varietà “Era Napoli” di Carmine Imbimbo e Andrea E. Costigliola.

Lo spettacolo meta-teatrale si proporrà al pubblico come un mezzo per rivivere il clima del tempo. Tra meravigliosi abiti di scena e una gustosa cena prima dello spettacolo, il divertimento è assicurato!

 

Café Chantant

INFO EVENTO

Venerdì 25 gennaio 2019 ore 20.30
Gran Salone Margherita, via Santa Brigida 65, Napoli

 

Articolo precedenteSfruttano la figlia di soli 18 mesi per chiedere l’elemosina
Prossimo articoloMugnano, finalmente un teatro ai cittadini
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.