Referendum, matite cancellabili agli elettori

Dopo la ricezione del messaggio d’allerta diffuso tramite Whatsapp la scorsa notte, alla vigilia del Referendum Costituzionale, alcuni elettori hanno testato le matite e avvertito le forze dell’ordine: erano cancellabili

«AVVISO PER CHI VOTA. La matita che vi forniscono per votare non è cancellabile. Portatevi una gomma da cancellare nel seggio, Votate e provate se realmente il voto non si cancella.  In caso contrario chiamate le autorità competenti e denunciate l’irregolarità di svolgimento elezioni. Condividete il messaggio. Lo stato si beffa degli ingnoranti… informiamoci …forza!». 

Così recita il messaggio diffuso tramite Whatsapp la scorsa notte, alla vigilia del Referendum Costituzionale. Quest’oggi alcuni elettori si sono recati ai seggi muniti di gomma da cancellare e, dopo aver rilevato la “cancellabilità” delle matite non copiative, hanno denunciato l’irregolarità dello svolgimento delle elezioni.

È successo all’istituto d’arte Palizzi, a Chiaia, a Salerno, nella scuola Tasso e nel seggio 124 della zona orientale, a Caserta e in Irpinia, e ancora a Roma, a Mantova e a Milano. Numerosi i casi di segnalazioni, polemiche, verbalizzazioni e denunce che a questo punto si crede, e si spera, comportino l’annullamento dell’esito definitivo delle votazioni.