Portici sotto shock: rifiuta di dare soldi al figlio drogato e rischia di essere bruciata viva

Portici

Tragedia evitata a Portici. Una mamma 71enne rifiuta soldi al figlio da tempo finito del tunnel della droga e lui per vendetta ha tentato di darle fuoco.

Portici, via della Libertà. È questo il luogo in cui stava per consumarsi un delitto senza pietà e senza coscienza ai danni di una anziana madre di 71 anni.

A turbare il clima di tranquillità di Portici ci ha pensato lui, un 43enne che da tempo si era imbattuto in una strada senza ritorno che lo aveva portato ad essere dipendente da sostanze stupefacenti. La madre che era solita sostentare economicamente il figlio, consapevole dell’impiego cui era destinato il denaro, stanca della situazione, ha rifiutato il consueto pagamento senza immaginare le terribili conseguenze.

Preso probabilmente dalla rabbia, ma soprattutto dall’astinenza, l’uomo ha cosparso il corpo della madre di liquido infiammabile, pronto ad attaccar miccia da un momento all’altro. Per fortuna le urla della donna hanno allarmato il vicinato e nel giro di pochi minuti sono arrivati i carabinieri.

I militari hanno fatto irruzione all’interno dell’abitazione, cogliendo così di sorpresa l’uomo, beccato proprio in flagranza di reato. Dopo aver impedito il folle gesto, lo hanno costretto alla resa con manovre forzate e lo hanno condotto alla stazione più vicina.

Secondo quanto riportato da Il Mattino, il pronto intervento degli uomini dell’arma ha salvato la vita della donna che è stata comunque accompagnata presso l’ospedale Maresca di Torre del Greco, dove attualmente è ricoverate e ancora in stato di shock.

L’uomo è stato invece rinchiuso all’interno del carcere di Poggioreale, sito nell’omonima strada a ridosso del centro della città e ci resterà in attesa di giudizio.