PD, l’assemblea dà il via alle primarie

PD

PD: assemblea provinciale alle terme di Agnano con 400 delegati per dare il via alla consultazione per le primarie

L’assemblea provinciale PD si è riunita ieri per discutere circa le primarie, chieste a gran voce negli ultimi tempi da Antonio Bassolino

Alla fine il partito si rivedrà tra tre settimane, il 20 novembre. La data, della convocazione della direzione, è stata indicata dal segretario Venanzio Carpentieri.

L’organismo di direzione è l’unico che può decidere la data delle primarie.

Bassolino

Ad incassare il risultato pro-primarie è stato lo schieramento dell’Area Riformista (Giovani democratici, Giovani turchi, pezzi di Fonderia e neobassoliniani) che ha presentato un documento per chiedere di fissarle senza però escludere la candidatura unitaria.

Va aggiunto, inoltre, che finalmente si è registrata una novità circa la partecipazione al voto: il presidente Massimo Carrano della commissione garanzia ha chiarito che potranno partecipare tutti i componenti dell’assemblea e non solo quelli appartenenti al territorio cittadino.

L’intervento del Segretario Carpentieri, nei confronti di chi negli ultimi tempi ha sollevato il polverone primarie, non è stato certo morbido sottolineando che la “querelle” su “primarie Si o No ha prodotto solo l’immagine di un partito diviso su un principio che invece è fondativo”.

Aleggia nell’aria lo spirito di Antonio Bassolino che non è presente, poiché non fa parte dell’assemblea. Ma a lui si rivolge il segretario Carpentieri quando dice: «Dobbiamo rompere gli schemi e far emergere una proposta innovativa non solo dal punto di vista generazionale, inattaccabile dal punto di vista giudiziario. Immagino cento giovani talenti a sostegno del leader».

L’intervento di Carpentieri è proseguito chiarendo che “non ha mai avuto la volontà di disconoscere le primarie” e che secondo statuto si proporrà un percorso anche agli alleati, alla coalizione che già si è trovata su De Luca.

Dà voce alla contestazione il leader dei giovani democratico, Marco Sarracino che dichiara: “Continuando così si continuerà a perdere”.