Palazzo reale minacciato dai piccioni, ecco la soluzione

Palazzo reale
Fonte: pixabay

Palazzo reale, a Napoli la celebre reggia dei sovrani borbonica è minacciata dalla presenza di piccioni, una ditta di bonifica ha trovato una soluzione

Il palazzo reale di Napoli è una delle opere architettoniche più importanti della città partenopea.

Purtroppo, anche questa meraviglia è minacciata dalla presenza di alcune colonie di piccioni, una delle tante specie invasive presenti nelle città di tutto il mondo.

Al momento, una ditta di bonifiche, Sidda Sud ha trovato uno stratagemma per scacciare i piccioni senza un forte impatto ambientale.

A darne notizia è il quotidiano il Mattino.

Infatti, gli esperti della ditta hanno pensato di introdurre nell’ambiente urbano, un nemico naturale dei colombi, si tratta del falco pellegrino.

L’idea è di Paolo Mascilli Migliorini, il direttore di Sidda, il quale ha pensato di non uccidere i volatili ma semplicemente di allontanarli dal sito storico.

Da oggi, sui tetti di Napoli, voleranno tre falchi pellegrini che serviranno a combattere i piccioni e i gabbiani, i quali, sottoposti a un forte stress, non riusciranno a nidificare e quindi la percentuale della popolazione scenderà.

Andrea Genovese, titolare dei due falchi, ha annunciato che dopo questo primo esperimento a Napoli, una tale strategia sarà applicata anche all’Anfiteatro romano di Capua.

In realtà, i tre falchi non si occupano solo del Palazzo reale, la domenica fanno “tappa” a Mergellina e Posillipo, altre volte al Policlinico e nell’impianto industriale Molino Caputo e Kimbo.

CRONACA:LINEA 2, SOSPESA PER L’INFORTUNIO DI UN PASSEGGERO, NECESSARI I SOCCORSI