Napoli, “Una città ricca di umanità” così scrive De Magistris

napoli

Napoli, “Una città viva, ricca di umanità”, scrive De Magistris sui social dopo l’afflusso eccezionale di turisti

Da quanto si dica, si narri, o si dipinga, Napoli supera tutto: la riva, la baia, il golfo, il Vesuvio, la città, le vicine campagne, i castelli, le passeggiate… Io scuso tutti coloro ai quali la vista di Napoli fa perdere i sensi!”

Così aveva detto lo scrittore tedesco Goethe nel 1787, al quale si deve anche il celebre detto “Vedi Napoli e poi muori“.                                                                                   Del resto la città con il bellissimo lungomare di Via Caracciolo, il centro del movimento cittadino costituito da Piazza del Municipio e dalle non lontane Piazza Trieste e Trento e del Plebiscito, la via e la Riviera di Chiaia, la via e il borgo di Santa Lucia e molto altro ancora, fanno di Napoli una delle più belle capitali del mondo.
A conferma di ciò, basta considerare l’eccezionale afflusso di turisti, che in questi giorni pasquali, hanno letteralmente affollato le strade della città, in un’atmosfera di festa e allegria che, oltre a confermare quanto detto più di 300 anni fa da Goethe, non è passata nemmeno inosservata.

Il Sindaco De Magistris si espone

Infatti è stato proprio il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dopo aver postato una foto sui social, ad aver dichiarato:
Questa è una delle migliaia di foto di Napoli durante le festività pasquali. Abbiamo vinto un’altra sfida“.

L’immagine postata, infatti, è solo una delle tante istantanee scattate, che testimoniano come tra Domenica 1 Aprile e Lunedì 2 Aprile, le strade della città non lasciavano intravedere neanche un margine di asfalto incalpestato.
Una Città viva, ricca di umanità – va avanti il primo cittadino – con gioia nel cuore tra mille sofferenze, con centinaia di iniziative culturali. La Città italiana in testa per cultura e turismo“.
Ho visto – ha quindi concluso il primo cittadino – la felicità negli occhi di tantissime persone. Grazie Napoli, per la tua infinita bellezza, per la tua preziosità, per la tua potenza emozionale”.

De Magistris risponde

Ancora ha continuato il Sindaco in un’ intervista che l’ha visto protagonista:
Abbiamo battuti tutti i record, i turisti sono stati entusiasti” , la sua risposta tuttavia non si ferma alla mera esaltazione dell’evento ma continua nel difendere anche la macchina amministrativa:
I disagi ci sono stati ma le motivazioni non sono da ricercare nella cattiva organizzazione: Hanno scelto tutti Napoli, i vigili erano tutti operativi ma c’erano troppe persone” – continua – “Trasporti assenti? Finché faranno gravare su di noi il debito del terremoto del 1980 non riusciremo a garantire un servizio migliore. Per dare ciò ci vuole la mano del Governo. Con il bilancio abbiamo fatto un miracolo laico, ma ora la città deve essere unita nella lotta a un debito ingiusto, con cui si punta a far crollare la città”.

Così si conclude l’intervento di De Magistris, dando ai suoi cittadini non solo la consapevolezza della bellezza e del potenziale della città, ma evidenziando anche come tutto il popolo napoletano è parte di un unico e forte organismo, legato dall’amore per la propria Napoli, e che uniti da questa idea comune devono prepararsi a lottare per l’accusa di un debito ingiusto, così come cita il primo cittadino.