Napoli, oggi riaprono le palestre e piscine. Ecco le normative

Napoli
Napoli, oggi riaprono le palestre e piscine. Ecco le normative

Napoli, riaprono palestre e piscine in tutta la regione, ma con delle modifiche. Di seguito le regole da rispettare per svolgere l’attività

A Napoli, il sindaco della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato nella tarda serata di ieri l’ordinanza per la riapertura delle palestre e delle piscine prevista per il  25 maggio. Difatti, oggi molti centri sportivi possono iniziare a svolgere la propria attività ma seguendo alcune regole relative all’emergenza Coronavirus. Ecco quali:

-Rispettare la distanza e informare tutti i clienti sulle misure di prevenzione attuate.
Redigere un programma di attività stabilendo gli orari o prendendo prenotazioni, tenendo un elenco di presenza per massimo 14 giorni.
-Misurare la temperatura corporea che non deve superare i 37,5°;
-Organizzare gli spazi negli spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1m;
Regolare il flusso dell’uso degli attrezzi o delle macchine delimitando le zone, al fine di garantire la distanza di sicurezza: almeno 1 metro per le persone mentre non svolgono attività fisica, o almeno 2 metri durante l’attività fisica Soprattutto quella intensa;
-Distanza di almeno 1 mentro tra i diversi utenti se praticata in ambienti esterni o 2 metri se in ambienti chiusi.
Obbligo di sanificatori per le mani all’interno della sala.
-Sanificare gli attrezzi dopo l’uso di una persona. Quelli che non possono essere sanificati non vanno usati.
-Non condividere borracce, bicchieri e bottiglie o altri oggetti.
-Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, non usare l’armadietto.
-Garantire periodicamente l’aerazione naturale nell’arco della giornata in tutti gli ambienti.

Mentre in aggiunta per le piscine:
Divieto di accesso del pubblico alle tribune. Divieto di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti;
-La densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di non meno di 7mq di superficie di calpestio a persona. La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona.;
-Assicurare l’efficacia della filiera dei trattamenti dell’acqua e il limite del parametro cloro attivo libero in vasca compreso tra 1,0 – 1,5 mg/l; cloro combinato ≤ 0,40 mg/l; pH 6.5 – 7.5.