Napoli, il coronavirus impedisce la celebrazione del funerale di Ugo

Napoli
foto tratta da Repubblica.it

Napoli, nessuna funzione religiosa per il giovane Ugo Russo. Portata al cimitero la salma dagli amici dei Quartieri spagnoli

Stamane, a Napoli intorno alle 8 la salma del giovane Ugo è arrivata al cimitero.

Trasportata in spalla dagli amici, la salma del 15enne Ugo Russo, ucciso nei giorni scorsi dal carabiniere per aver tentato di rubare il Rolex, non ha avuto nessuna funzione religiosa.

Difatti a causa dell’ordinanza emanata ieri dal Ministro della Salute sono sospese tutte le attività sportive e funzioni religiose. Tutti i luoghi di aggregazione devono chiudere fino al 3 aprile. 

Pertanto con la chiusura delle chiese, la messa per il funerale, programmata per oggi nella chiesa dei Sette Dolori a Montecalvario, è stata annullata.

Tuttavia i familiari, gli amici e gli agenti della polizia hanno partecipato all’ultimo saluto. Infatti gli amici dei Quartieri spagnoli hanno trasportato la bara sulle spalle fino al carro funebre che l’ha poi condotta al cimitero.

La strada era ricoperta di fotografie di Ugo, striscioni e durante il trasporto della salma si è innalzato un coro che ripeteva il nome del 15enne.

Inoltre come afferma Repubblica.it, l’inchiesta condotta dalla Procura sulla morte del ragazzo sono ancora ignari. Pertanto, secondo i risultati dell’autopsia il carabiniere è  indagato per omicidio volontario.
Mentre per il 16enne complice del tentativo di rapina è stato collocato in comunità dal giudice minorile.

La Procura, però deve tener presente anche dei due fatti accaduti dopo l’accaduto:
-la devastazione dell’ospedale Vecchio Pellegrini
-i colpi di pistola esplosi all’esterno della caserma Pastrengo dei carabinieri.

SEGUICI SU FACEBOOK: CLICCA QUI