3 Agosto 2022

Maxi-sequestro a Scafati: requisiti oltre 140kg di cocaina

Maxi-sequestro in provincia di Salerno, requisiti 146kg di cocaina dal valore di trentacinque milioni di euro ai clan di Ponticelli

maxi-sequestro scafati

Oltre 140 chilogrammi di cocaina, ecco il “bottino” del maxi-sequestro effettuato dai militari della zona industriale di Scafati ai danni dei clan di Ponticelli. L’operazione, coordinata dalla Procura di Nocera Inferiore, è andata a buon fine grazie anche alla guida dal procuratore Antonio Centore.

Il sequestro, anche guidato dal comandante Rosario Di Gangi, ha avuto luogo grazie ad una segnalazione di una pattuglia. Due auto, una Fiat 500 ed una Fiat Tipo, stavano percorrendo la stessa strada in quella che sembrava una piccola carovana. Le due auto si sarebbero poi fermate nello stesso luogo.

Di lì a poco, è arrivato nella zona un tir con targa slovena. Il conducente della 500 ha lasciato la sua vettura, allontanandosi con il suo “collega” nella Tipo. Nel mentre, l’autista dell’autoarticolato è stato beccato a spostare pacchi sospetti proprio nell’auto dove i due uomini erano entrambi seduti. L’intervento dei Carabinieri, supportati da diverse pattuglie, riesce perfettamente. Intercettati e bloccati i 3 uomini, le Forze dell’Ordine scovano un carico di 130 panetti di cocaina pura, per un peso totale di 146 chilogrammi.

Il maxi-sequestro porta con sé 146 chili di cocaina e 3 arresti. Uno dei tre avrebbe legami con il clan Sarno e i De Luca Bossa. L’età dei 3 arrestati è tra i 40 ed i 65 anni, tutti accusati di detenzione di sostanze stupefacenti, poi condotti al carcere di Fuorni. Come da prassi, la droga verrà messa sottochiave in un deposito videosorvegliato. Con l’attesa di ordini da parte della Magistratura ne verrà poi prelevato un campione per uso processuale ed infine sotto la cura del Giudice ne verrà ordinata la distruzione. Dal maxi-sequestro, gli inquirenti con le conseguenti indagini, hanno scoperto vari commerci tra clan. Tutti collegati fra loro.

Fonte: Fanpage

Seguici sulla nostra pagina Facebook NapoliZon (clicca qui)

Potrebbe anche interessarti (clicca qui)