3 Agosto 2022

Napoli, bimbo lanciato dal balcone dal domestico: chiesti 18 anni

Napoli, lanciato dal balcone di casa dal domestico: chiesti 18 anni per Mariano Cannio

bimbo lanciato dal balcone

NAPOLI – Bimbo lanciato dal balcone della propria abitazione dal domestico: chiesti 18 anni di reclusione per l’assassino. Questa è la decisione di Barbara Aprea della Procura di Napoli.

La drammatica vicenda del piccolo Samuele, 4 anni, risale al 17 settembre scorso. Il bimbo fu lasciato cadere nel vuoto dal balcone di casa in via Foria dove abitava con i genitori. Ad assassinarlo Mariano Cannio, 38 anni, bipolare e schizofrenico ma riconosciuto capace di intendere e volere.

L’uomo lavorava nella casa del piccolo Samuele come uomo delle pulizie. Era molto conosciuto in zona, collaborava con diverse famiglie e da un po’ di tempo anche con quella del piccolo Samuele. Stando alle ricostruzioni, quel 17 settembre l’uomo approfittò della presenza della madre del bambino in un’altra stanza per prendere il piccolo e lanciarlo dal balcone.

Il processo si sta svolgendo con le modalità del rito abbreviato dinanzi al giudice per le indagini preliminari, Nicoletta Campanaro del Tribunale di Napoli.

Fonte articolo: Il Meridiano news

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI IL SEGUENTE ARTICOLO: Maxi-sequestro a Scafati: requisiti oltre 140kg di cocaina

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie di Cronaca, Attualità, Sport, Cultura, Coronavirus, Curiosità e Università seguici sulla nostra pagina Facebook Napoli ZON: C L I C C A Q U I. Oppure seguici sui nostri profili T w i t t e r e  I n s t a gr a m per tanti contenuti extra