26 Maggio 2022

Mario Draghi : ”Quest’anno meno tasse per l’Italia”

Mario Draghi: quest'anno meno tasse per l'Italia

Mario Draghi: ”Quest’anno meno tasse, Il governo è qui per fare quello che serve all’Italia, ai lavoratori, alle imprese. Non per stare fermo”

MARIO DRAGHI, MENO TASSE PER L’ITALIA – Un’accoglienza più che calorosa quella riservata al presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi, intervenuto questa mattina al diciannovesimo congresso della Cisl alla Nuova Fiera di Roma.

“Condivido molto il titolo che avete scelto per il vostro Congresso,”Esserci per cambiare“, ha esordito il premier, “è una frase diretta, che racchiude anche il senso di questo governo. Siamo qui per fare quello che serve all’Italia, ai lavoratori, alle imprese. Non per stare fermi.”

Poi prosegue, ”a marzo dello scorso anno, con il ministro Brunetta abbiamo firmato il Patto per l’innovazione del lavoro pubblico. A maggio, il ministro Bianchi ha promosso il Patto sulla scuola, con cui il Governo si è impegnato a valorizzare il personale scolastico e a investire sulla sicurezza degli istituti”. Il premier sottolinea inoltre tutto l’impegno profuso per gestire al meglio l’emergenza pandemica.

”La pressione fiscale sarà ridotta”

Per quanto riguarda la situazione della guerra in Ucraina, Draghi dichiara: ” Il mercato dell’energia vive una fase di enorme volatilità. Queste crisi colpiscono in particolare i cittadini più vulnerabili, le realtà più fragili, e mettono a dura prova la coesione sociale. Il Governo si è mosso con rapidità per tutelare i lavoratori di fronte alle molte crisi di questi anni. Prevediamo che la pressione fiscale quest’anno cali di 0,4 punti percentuali rispetto all’anno scorso – ed è la riduzione più consistente degli ultimi sei anni. Per sostenere i salari abbiamo ridotto i contributi a carico dei lavoratori per quest’anno. Per tutelare i cittadini dai rincari energetici, abbiamo ampliato la platea di persone che possono usufruire del bonus sociale elettricità e gas e tagliato le accise sui carburanti.  Abbiamo introdotto un’indennità una tantum da 200 euro per 28 milioni di italiani”.

“Al tempo stesso – assicura il premier – interverremo per rafforzare la nostra economia in modo strutturale, per renderla più competitiva ma anche più sostenibile. Nelle scorse settimane, abbiamo raggiunto accordi con diversi paesi, dall’Algeria all’Azerbaigian, per ridurre la nostra dipendenza dal gas russo e rafforzare la nostra sicurezza energetica.  In settori strategici come i semiconduttori e le batterie abbiamo stanziato somme ingenti e avviato progetti innovativi per riportare la produzione in Europa e ridurre la dipendenza dall’estero”.

FONTE: RaiNews

POTREBBE INTERESSARTI : Sanità: uomo muore soffocato con un pezzo di salsiccia

Se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie di Cronaca, Attualità, Politica, Sport, Sanità, Università, Cultura, Eventi e Spettacolo seguici sulla nostra pagina Facebook Napoli Zon e lascia un like : CLICCA QUI 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.