Le scale del Petraio. Cinquecentotre gradini

le scale del petraio

Le scale del Petraio: alla scoperta delle bellezza di Napoli, tra balconi fioriti e pendenze elevate

Chissà che Escher non si sia ispirato alle scale del Petraio nelle sue opere. Certo è che i cinquecentotré i gradini che compongono il percorso obliquo hanno lo stesso identico fascino della Relatività del grafico olandese. Scorci bellissimi, “vasci”, balconi fioriti, vigneti, agrumeti e famose dimore in stile liberty. Questo è il tracciato del Petraio. Nasce dal percorso descritto dalle piogge alluvionali che hanno depositato i ciottoli, partendo dalle colline del Vomero per giungere al quartiere Chiaia. Le sponde del percorso si sono arricchite, nel tempo, di alti e più bassi edifici, creando un ambiente davvero suggestivo.

Domenica 27 gennaio, sarà possibile la discesa di tutti i gradini in compagnia dell’associazione Curiosity Tour. L’appuntamento è alle ore 10, all’esterno della stazione di via Morghen. Per partecipare basterà prenotare telefonando ai numeri 3292885442, 3711300813. Per qualsiasi altra informazione si potrà consultare il sito internet.

Articolo precedenteVita, Amore, Anarchia, 20 anni senza De André
Prossimo articoloBiblio-Counseling alla biblioteca di Villa Savonarola a Portici
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.