17 Gennaio 2023

Indagato il sindaco di Quindici: ecco perché

Quindici, in provincia di Avellino: indagato il sindaco Edoardo Rubinaccio accusato di aver dato residenze false per ottenere più voti

residenze false per aumentare i voti: accusato sindaco di Quindici

INDAGATO SINDACO DI QUINDICI- Edoardo Rubinaccio, sindaco di Quindici in provincia di Avellino è indagato con l’accusa di aver dato residenze false per ottenere più voti alle elezioni. Queste persone sarebbero state ospitate in case che erano proprio del sindaco.

Nel settembre 2020 furono 116 le persone che votarono per Rubinaccio sindaco ma non ne avevano facoltà. A tutto questo, dopo delle indagini accurate, sono risaliti i Carabinieri e la Procura di Avellino nell’inchiesta coordinata dal PM Cecilia De Angelis. Secondo quanto riportato da Fanpage, erano del tutto false le residenze rilasciate dal sindaco in vista delle elezioni, con il fine di ottenere più voti.

Con il sindaco di Quindici, eletto nel settembre 2020, sono indagate altre 15 persone. A queste, i magistrati hanno comunicato la conclusione delle indagini: sono accusati di falso in atto pubblico. Ricostruendo i fatti, nel settembre 2020 Rubinaccio vinse sull’altro candidato sindaco, Francesco Grasso con 780 voti contro 686.

Le indagini svolte dai Carabinieri di Avellino però si sono concentrate particolarmente su 6 persone residenti nel Comune di Napoli e nel Comune di Forino, in provincia di Avellino, che, caso ha voluto, proprio nel periodo delle elezioni avevano spostato la residenza dalle loro case proprio a Quindici. L’allarme è scattato, ulteriormente, quando i loro indirizzi di casa corrispondevano a delle abitazioni che erano a disposizione del sindaco Rubinaccio.

Alcuni mesi dopo le elezioni queste stesse persone hanno poi spostato nuovamente la loro residenza nei loro Comuni di appartenenza. Questi anomali movimenti hanno fatto scattare l’allarme e da lì sono iniziati i controlli e le indagini che hanno portato ai risultati ottenuti.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo: Amici Capodanno, Lorella furiosa: “Questa non è una cavolata”