I Volti di FlaB. La nuova voce di Napoli

FlaB

FlaB giovane artista partenopea, racconta Napoli con i  suoi Volti

Napoli non ha bisogno di presentazioni, non le servono nemmeno lusinghe. Napoli basta a se stessa. Eppure, nel tempo, tanti artisti hanno provato a renderle omaggio. Pochi ci sono riusciti davvero. Una di queste è FlaB. Saranno i suoi occhi color del mare ad averla messa in connessione con la sua terra natia o la pelle ambrata, sta di fatto che Flavia rappresenta la Napoli di oggi e lo fa senza pensarci più di tanto.

«Non ho mai studiato la tecnica del disegno, come quella della pittura, ma sperimento e amo provare a dar forma e vita a quello che ho nella testa. Immagino il quadro nei momenti più improbabili della giornata, altre volte, la maggior parte delle volte, quando sono davanti alla tela bianca, è tutto puro istinto!»

Classe 1990, dottoressa in Ingegneria, Flavia è la dimostrazione che la tecnica è nulla senza un’anima dietro. Non può sottrarsi al suo io più vero e riesce, come pochi, ad emozionare. I colori, le pennellate, l’intensità sono vive espressioni di ciò che prova mentre dipinge.

«Ho sempre disegnato Volti, profili stilizzati, come espressione di sentimenti e stati d’animo, ecco, questi mi rappresentano, ma allo stesso tempo rappresentano chiunque voglia rispecchiarsi in loro […] La gente mi percepisce, riconosce gli “stati d’animo” e in questi si rispecchia mostrandosi piacevolmente sorpresa. Mi ringrazia per il sorriso che riesco a strappar loro, dati i colori luminosi e sgargianti molto spesso protagonisti».

Dopotutto dovrebbe essere questo l’intento di un’artista, abbattere i muri e trasmettere sensazioni. I Volti di Flab ci riescono alla grande: danno vita ai sentimenti. Un costante contrasto tra sorriso e lacrima, tra triste e felice. Le persone riconoscono nei Volti il proprio stato d’animo del momento. Ogni giorno, un dipinto può accendersi di luce nuova, divenire altro da ciò che era già.

La magia dei colori di Flavia è ancora un lusso per pochi. L’arte, si sa, fa fatica a promuoversi di questi tempi, ma un’artista non demorde. Piccoli passi, un po’ per volta: una tela dopo l’altra. Flavia non ha fretta.

Chi sia quest’artista non è difficile scoprirlo. Mercoledì 5 Dicembre esporrà i suoi dipinti al NeapolitanTrips Hostel & Bar. La riconoscerete facilmente. Non per i lunghi capelli biondi o il sorriso gentile, ma per la passione. La passione di un’artista non ha bisogno di ritratti.

INFO
Flavia Bracale: https://www.instagram.com/flabpainter/
Evento: https://www.facebook.com/events/2222466528075550/

Articolo precedenteNapoli – Convegno IPR “La coppia divisa”
Prossimo articoloOmicidio stradale, arrestato un 21enne napoletano
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.