Napoli – Convegno IPR “La coppia divisa”

La coppia

Napoli giovedì 6 dicembre si svolgerà il Convegno “La coppia divisa” organizzato dall’Istituto di Psicoterapia Relazionale di Napoli presso palazzo Salerno a Piazza del Plebiscito

Giovedì 6, con la collaborazione del Comando Forze Operative Sud dell’Esercito Italiano, a Palazzo Salerno si svolgerà il ConvegnoLa coppia divisa”.

L’incontro che si rivolge ai tecnici del settore e a quanti altri hanno relazioni professionali con le coppie,  avrà inizio alle 9,30 per poi concludersi alle 17,30 ed è organizzato dall’IPR di Napoli

la coppia locandina

Il convegno affronterà teorie e tecniche in psicoterapia cercando risposte a molte domande sul rapporto di coppia.

Il Convegno parte dall’assunto che negli ultimi anni la modalità di “fare coppia” ha registrato profonde trasformazioni. E come dichiarato dagli organizzatori “così come profondi sono stati i cambiamenti del senso della vita!”.

Le finalità

Le finalità che il  Convegno si prefigge sono quelle di cercare di aiutare i partecipanti a comprendere aspetti importanti della pratica clinica applicata ad un contesto terapeutico complesso, ovvero il sistema coppia.

Come riportato dagli organizzatori oggi si tende a distinguere le coppie in “tradizionali” e “contemporanee”. Mentre le prime, così come definite, sono quelle cui fino a poco tempo fa si era abituati e cioè la classica composizione uomo-donna, le altre, le contemporanee, sono tutte le nuove forme.

L’I.P.R., guidato dal Prof. Luigi Baldascini, ritiene che la “differenza tra le due tipologie di coppia fanno intuire anche cosa chiedono oggi le coppie al terapeuta”. Questo insieme ai diversi punti di vista e all’esperienza dei vari clinici può essere utile per un confronto sulle strategie da usare per curare la coppia in crisi.

Il ricorso alla terapia avviene in maniera trasversale per tutti i tipi di coppia senza una netta distinzione tra ceti, età e gender.

La dichiarazione

Abbiamo avuto modo di chiedere al Direttore dell’Istituto, Prof. Luigi Baldascini,  perché si è scelto di fare un convegno con questo argomento?  “Perché nella società attuale Baldasciniaumentano le separazioni e le coppie ricostituite e come terapeuti e psicologi ci chiediamo come prevenire il malessere che si ripercuote sulle generazioni successive e sul sociale in generale.”
Il Prof. Baldascini ha poi aggiunto: “Le coppie che chiedono aiuto terapeutico sono in aumento ed anche i disagi dei loro figli.”

Cosa fa nel concreto l’Istituto?
Come istituto ci dedichiamo alla ricerca non quantitativa (intesa come statistica) ma qualitativa. Elaborando all’interno del  nostro modello terapeutico nuovi  percorsi creativi d’intervento che trasformano rapporti di coppia disfunzionali congelati  in una crisi in legami più  evoluti e soddisfacenti per i partner con riflessi positivi sui figli”.