Fortuna Loffredo, nuova ipotesi sull’ omicidio

fortuna

Nuova ipotesi sull’ omicidio di Fortuna Loffredo: “Fortuna Loffredo uccisa da Marianna Fabozzi perché voleva denunciare Titò”…

Spunta una nuova ipotesi sul caso di Fortuna Loffredo, la bimba di sei anni vittima di abusi sessuali, uccisa nel 2014 al Parco Verde di Caivano.

A parlare è la criminologa Roberta Bruzzone, la consulente del padre della piccola, che, intervistata dal settimanale Giallo, ha fornito questa nuova ipotesi: “Chicca è stata molestata da Titò. La vittima, stanca per i continui abusi, ha minacciato di riferire tutto alla mamma. A questo punto sarebbe entrata in scena la Fabozzi, che l’avrebbe uccisa per non farla parlare. Questo spiegherebbe i cambi di versioni di Sara, che voleva proteggere la mamma”.

La Bruzzone fa riferimento alla figlia maggiore, Sara, di Marianna Fabozzi, l’ ex convivente di Raimondo Capito, accusato di aver abusato anche di lei e, attualmente, unico indagato per l’ omicidio della piccola Fortuna. Lo stesso Caputo, nell’ ultima udienza del processo, aveva dichiarato gli abusi sulla figlia della sua convivente, ma, ribadendo la sua estraneità all’ omicidio di Chicca, aveva accusato proprio la Fabozzi. Si spera che gli inquirenti facciano presto luce su questa lugubre vicenda, abbattendo i muri di omertà, di menzogne e violenze troppo a lungo e da troppi sottaciute.