De Luca: “In Campania non si entra fino a giugno”

coronavirus de luca
de luca

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca annuncia in diretta social: il blocco del trasferimento da e per altre regioni si estende fino a giugno

Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, fa il consueto punto settimanale in diretta Facebook, illustrando la situazione dei contagi da coronavirus e l’andamento della fase 2 in Campania.

Da quando è cominciata la fase 2 sono arrivate quasi 25.000 persone, quasi 2.000 persone sono in isolamento domiciliare, non sappiamo come stanno. Non sappiamo quale sarà l’evoluzione del contagio” -spiega De Luca.

Poi annuncia la decisione di mantenere il blocco del trasferimento da e per la Campania, almeno finché non ci saranno ulteriori dati in merito.

Faremo un controllo attento per garantire serenità.- dichiara De LucaManterremo l’impedimento a entrare in Campania da parte delle altre Regioni. Almeno per questo mese non si può entrare se non per motivi di lavoro o salute. Chi va alla ricerca di affetti stabili dovrà aspettare e avrà la bontà di non darci fastidio. La flessibilità è una stupidaggine perché il contagio rischia di riesplodere. Non ce lo possiamo permettere, in Campania sarebbe un’ecatombe”.

Quindi, Vincenzo De Luca ribadisce la necessità di ulteriori verifiche per capire come sarà la situazioni contagi dopo il 18 maggio, per poi riaprire i confini della Campania. Chi arriverà da altre regioni in Campania sarà sottoposto ai test di routine, test sierologico o anche tampone, per poi restare in isolamento domiciliare di 14 giorni.