Costiera vesuviana : la “buona idea” travolge il territorio campano

costiera

Tante menti a confronto per elaborare la nascita della Costiera Vesuviana. La Reggia di Portici fa da sfondo alla creazione della “Buona Idea”

Ieri ha avuto luogo- nella splendida cornice della Reggia di Portici- un incontro di grandi menti, che si sono confrontate sulla nascita di un progetto ambizioso: la Costiera Vesuviana.

L’idea, fortemente sostenuta da organizzazioni impegnate nello sviluppo del territorio come Artesa e Great Vesuvio, ha visto l’impegno di professionisti di ogni settore.

Veronica Bartollini, giunta in rappresentanza della Banca di Credito Popolare, ha sottolineato l’importanza di un lavoro sinergico, al fine di creare una consistente rete di impresa che veda la banca a sostegno dei comuni e del territorio.

Il professore di patologia vegetale, il dott. Lorito, ha ricordato la recente nascita del Museo del Vino, dedicato ai giovani che si avvicinano a questo mondo e che hanno reso la figura dell’agronomo una figura altamente qualificata.

Come Direttore Generale dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno, Antonio Limone è intervenuto sottolineando la volontà di riunire dietro un unico “marchio” tutte le prelibatezze del territorio, che lo hanno reso noto e unico al mondo.

Ancora entusiasticamente Ciro Iengo, amministratore di una società di sviluppo locale Artesa srls, ha evidenziato l’importanza di questa giornata, ricca di spunti per il futuro. Ha poi annunciato la nascita di un comitato scientifico finalmente pronto a portare avanti un progetto ambizioso, da tanti anni chiuso nei cassetti.

In sequenza tanti interventi di personalità di spicco: Vincenzo Ascione– sindaco di Torre Annunziata– che ha ricordato la sua città come nota sede del pastificio Setaro, prossimo al compimento dei suoi 80 anni di vita. Felice Russillo, Presidente Consorzio TEC-DATABENC, ha posto l’accento sul movimento culturale che si sta riscontrando molto attivo e magmatico.

Il vicesindaco di Vico Equense Francesco Lombardi ha confermato la presenza della città di Vico a sostegno di tutte queste attività. Il vicepresidente vicario della terza Camera di Commercio –Fabrizio Luongo– ha sottolineato l’importanza di una collaborazione tra artigianato e commercio.

Tante figure rilevanti come Maria Michela Altiero, Loreto Colombo, Bruno Colucci, Cesare Foà, Costantino Formica, Michelangelo Lurgi, Maria Rosaria Napolitano, Antonella Palmieri hanno dato il loro personale e fondamentale contributo nella crescita dell’ambizioso e lungimirante progetto.

Ha chiuso l’incontro la coordinatrice Giovanna Sangiuolo, rappresentante del Foro di Napoli, che ha invitato tutti a una collaborazione fattiva che metta in accordo costa ed entroterra nella volontà comune di uno sviluppo territoriale.

La giornata di ieri ha rappresentato solo il principio di una comunione di intenti che vedrà lo sviluppo della Costiera Vesuviana, frutto della “Buona Idea” di tanti professionisti che credono ancora nello sviluppo del Mezzogiorno e che continuano a investire nella crescita dello stesso.