Champions, la furba strategia delle “mani avanti”

champions

Alla vigilia della gara di andata dei preliminari di Champions League, Sarri ammette: “Dobbiamo essere forti mentalmente”

NAPOLI, 15 AGOSTO – Mancano ormai pochissime ore alla tanto attesa sfida dei preliminari di Champions League, che vedrà impegnato il Napoli contro i francesi del Nizza. Dalle parole del mister ‘campano’ si denota la furba consapevolezza dei propri mezzi e la cautela nei confronti di chi ha già affrontato gare ufficiali.

Da quanto si apprende da Premium Sport, le dichiarazioni di mister Sarri vertono tutte in questo senso:

“Loro hanno già giocato quattro partite ufficiali, difficile che una italiana possa essere pronta in questo periodo. Lo scatto fondamentale sarà di testa: dovremo essere pronti mentalmente e avere un’applicazione difensiva feroce”.

Tiene alta la tensione il mister, sapiente conoscitore del mondo del pallone e sa che:

“Non sarà semplice passare da un’amichevole a una gara decisiva per la Champions in pochi giorni , championsma questa è la data e cercheremo di sfatare il tabù preliminari. Abbiamo sfidato Bayern e Atletico, ma avrei preferito trovare più ritmo con condizioni climatiche diverse”.

Sugli assenti eccellenti in casa Nizza, Sneijder e Balotelli, Maurizio Sarri commenta così:

“Hanno già diverse partite ufficiali sulle gambe e le loro accelerazioni hanno un ritmo più alto del nostro. Sarà importante farci trovare pronti mentalmente”.

Insomma, quello che conterà in questa partita oltre le gambe, sarà la mente. L’allenatore vuole una squadra all’altezza delle aspirazioni e della competizione. Il gruppo è compatto e si conosce alla perfezione; ma se da un lato questo è un fattore positivo per il Napoli, dall’altro, secondo Sarri, può comportare l’accensione di un piccolo campanello d’allarme:

“Siamo gli stessi. Essendo indietro di condizioni dovremo fare una fase difensiva feroce, in questo dobbiamo migliorare. Il gruppo però è praticamente lo stesso dell’anno scorso, ma sono convinto che non abbiamo ancora dato tutto. Abbiamo margini di miglioramento. Speriamo che il lavoro sul campo valga più degli acquisti”.